Spostare la sede dell’impresa in Austria: i vantaggi fiscali

Aprire un'attività in Austria o spostarvi la sede dell'impresa già esistente conviene? Ecco le agevolazioni fiscali del sistema austriaco che attirano gli imprenditori italiani

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
Aprire un'attività in Austria o spostarvi la sede dell'impresa già esistente conviene? Ecco le agevolazioni fiscali del sistema austriaco che attirano gli imprenditori italiani

Spostare la sede di un’impresa in Austria per eludere le tasse e godere di regimi fiscali più vantaggiosi: è una scelta che fanno sempre più imprenditori italiani, soprattutto del Veneto e del Friuli Venezia Giulia. Solo nel primo semestre del 2015 sono state 17 le aziende nazionali che hanno spostato la sede oltre confine: di queste sei sono venete e tre friulane. Numeri confermati dall’agenzia governativa viennese Aba Invest e che hanno spinto la deputata di Forza Italia, Sandra Savino, a presentare un’interrogazione al governo spronandolo a tirare fuori la testa da sotto la sabbia. Occorre, sostiene la Savino, prendere atto di quello che accade: i numeri non possono far pensare ad una coincidenza. Si tratta di una vera e propria tendenza orma diffusa.   E’ intuitivo che siano proprio le regioni a nordest quelle che, dal punto di vista geografico quantomeno, sono più esposte alla tentazione di spostare la sede in Austria attratte dalle maggiori garanzie offerte dal sistema fiscale e dalla burocrazia austriache rispetto a quelle italiane. L’esodo delle imprese all’estero non deve essere sottovalutato perché le conseguenze possono essere impattanti per la nostra economia, già piegata dalla crisi economica.

Aprire un’impresa in Austria: quante tasse si pagano?

Grazie agli accordi internazionali con diversi Paesi, Italia inclusa, aprire un’attività in Austria è particolarmente vantaggioso dal punto di vista burocratico e fiscale. L’aliquota unica proporzionale applicata alle persone giuridiche, ed estesa al reddito di impresa, è del 25%. Particolarmente vantaggiosa risulta essere la cd “Tassazione di Gruppo”, che prevede la possibilità di definire una singola base imponibile per tutte le società del gruppo, con eventuale compensazione delle perdite e degli utili delle diverse società. Requisito per l’applicazione di questo regime fiscale austriaco è la presenza di una quota di partecipazione minima del 50% e una azione. Una ricerca recente ha calcolato che, al netto delle agevolazioni fiscali (ad esempio bonus per apprendistato e formazione), la pressione fiscale sulle società di capitale in Austria si ferma al 22,4%. In Austria non sono previsti inoltre o

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tasse aziende