Split payment: ecco quanto ci rimettono le imprese italiane

Perchè le imprese si scagliano contro lo split payment? Ecco i calcoli che svelano quanto questo criterio di scissione dell'IVA sia sconveniente per le aziende

di , pubblicato il
Perchè le imprese si scagliano contro lo split payment? Ecco i calcoli che svelano quanto questo criterio di scissione dell'IVA sia sconveniente per le aziende

Le imprese continuano a chiedere a gran voce la cancellazione dello split payment per i pagamenti IVA. Come ormai noto possiamo riassumere il meccanismo come segue: il fornitore addebita l’IVA in fattura senza però incassarla, è infatti la PA in un secondo momento a versarla direttamente all’Erario. E’ evidente che per i primi si determina un ammanco di liquidità importante nell’immediato.

Split payment: i tempi dei rimborsi

Daniele Vaccarino, presidente CNA (Confederazione Nazionale Artigianato e PMI), ha riportato i dati raccolti da gennaio a novembre 2015 per dimostrare quanto questa incida sul bilancio aziendale l’applicazione dello split payment. Si parla di un gettito di circa 6 miliardi di euro, l’80% del quale dovrà essere restituito alle imprese mediante compensazione o rimborso. Ma quali sono i tempi dei rimborsi? Inutile negare che oggi un imprenditore potrebbe essere costretto ad aspettare a lungo, nonostante gli obblighi assunti con l’Europa. E queste sono cifre provvisorie destinate ad aumentare quando tutte le transazioni verso la Pubblica Amministrazione saranno assoggettate allo split payment. Si potrebbe obiettare che è possibile, almeno per chi possiede i requisiti, chiedere un finanziamento in banca per farsi anticipare subito la cifra che si deve ottenere tramite rimborso ma il fatto che, sulla stessa, si debbano pagare gli interessi appare iniquo.

Argomenti: ,