Spese scolastiche 2018: quali si possono detrarre e come fare

Quali sono le spese detraibili per la scuola? Una breve panoramica su quelle valide.

di , pubblicato il
Quali sono le spese detraibili per la scuola? Una breve panoramica su quelle valide.

La scuola è iniziata ovunque ma in tanti non sanno che alcune spese scolastiche sono detraibili. Molti italiani neppure sono a conoscenza del fatto che le spese scolastiche si possono detrarre fino al 19% un pò come accade per il bonus luce e gas. Vediamo allora quali sono, che scuole sono interessate e come ottenere la detrazione.  

Leggi anche: Bonus bolletta luce e gas: nuove iniziative, chi può richiederlo e a quanto ammonta

Le scuole interessate

I genitori che spendono denaro per l’istruzione del figlio non sempre sanno che alcune spese sono detraibili.

Ad essere interessate sono le scuole materne, elementari, medie e superiori statali, pubblichi, private e paritarie. La detrazione Irpef del 19% si applica a varie voci di spesa, per il 2018 si può detrarre fino a 786 euro ad alunno ossia 150 euro per ogni figlio iscritto, tetto che il prossimo anno che dovrebbe arrivare a 800 euro.

Quali spese danno diritto alla detrazione

Tra le voci che si possono detrarre quelle legate all’iscrizione scolastica nelle scuole private oltre che:

– le spese relative alla mensa e servizi integrativi di assistenza alla mensa

– le spese per le gite

– l’assicurazione scolastica

– i servizi di pre e post scuola

– i corsi di lingua e tutti i corsi organizzati dalla scuola anche fuori dall’orario scolastico

-spese sostenute per alunni con disturbo specifico dell’apprendimento (DSA) per cui è prevista la detrazione per strumenti e sussidi tecnici in grado di facilitare il lavoro allo studente senza nessun tetto di spesa

Come ottenere la detrazione

Per ottenere la detrazione basta conservare  la ricevuta del versamento o la ricevuta del bollettino postale, del bonifico bancario o certificato che provi il pagamento del servizio  nel caso delle spese per la mensa mentre per le attività extrascolastiche come gite e corsi bisogna provare il pagamento tramite la delibera scolastica. Nel caso di studente con disturbo di apprendimento è necessaria sia la ricevuta sia il certificato medico che  provi il legame tra i sussidi acquisiti e il disturbo diagnosticato.

Va anche ricordato che non si possono invece detrarre tutte le spese legate  all’acquisto di libri e al materiale di cartoleria.

Leggi anche:

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,