Sospensione rata mutuo: ecco come fare quando è troppo alta

Quando si è in difficoltà economiche è possibile sospendere il pagamento delle rate del mutuo, ecco gli strumenti che si hanno a disposizione e quali sono i requisiti per accedervi.

di , pubblicato il
Quando si è in difficoltà economiche è possibile sospendere il pagamento delle rate del mutuo, ecco gli strumenti che si hanno a disposizione e quali sono i requisiti per accedervi.

Gli italiani possono accendere un mutuo per acquistare la casa, la macchina o per pagare la ristrutturazione. Quando si accende un mutuo bisogna fare attenzione che le singole rate non siano troppo pesanti per il reddito familiare, ma anche pianificando al meglio la restituzione di un mutuo può accadere che le difficoltà economiche possano impedire di onorare il debito.

Proprio per questo sono stati previsti determinati strumenti che permettono di fronteggiare le emergenze sospendendo le rate del mutuo.

Moratoria: chi può accedervi e come funziona

Già la legge di stabilità 2015 aveva introdotto una sorta di moratoria per i debiti contratti dalle famiglie italiane attraverso la quale coloro che avevano contratto un mutuo potevano beneficiare della sospensione del pagamento della quota delle rate riferita al capitale. Lo strumento, presente già dal 2009, era stato quindi prorogato, dalla legge di stabilità 2015, fino al 2017. La moratoria, valida per 12 mesi dalla richiesta e solo per i mutui ipotecari contratti per l’acquisto della prima casa, quindi, può essere chiesta fino alla fine del 2017, salvo ulteriore proroga nella Legge di Bilancio 2018.

Ovviamente, per accedere al beneficio bisogna essere in possesso di determinati requisiti: come abbiamo anticipato il mutuo deve essere stato acceso per l’acquisto della prima casa e si può accedere alla moratoria solo nel caso si sia verificata una delle seguenti condizioni:

  • perdita del posto di lavoro
  • sospensione o riduzione dell’orario di lavoro per almeno 30 giorni
  • morte o infortunio grave dell’intestatario del mutuo

La sospensione del pagamento, però, riguarda soltanto la quota di capitale delle rate di mutuo: questo significa che la quota relativa agli interessi dovrà essere, in ogni caso, continuata a pagare. La scadenza del mutuo, inoltre, tarderà di tanti mesi quanti sono quelli coperti dalla moratoria.

Per approfondire puoi leggere anche: Sospensione rate mutuo, ecco quando richiederla

Fondo di solidarietà: sospensione rata mutuo

Oltre alla moratoria, però, è possibile sospendere il pagamento della rata del mutuo anche attraverso il Fondo di solidarietà che consente la sospensione dell’intera rate per 18 mesi.

La quota di interessi, con questo sistema, viene corrisposta alle banche dal fondo (che si pone, quindi, come un vero e proprio sussidio per chi si trova in situazioni di bisogno). Alla scadenza dei 18 mesi, però, si dovrà tornare a rimborsare il debito residuo.

Per accedere al Fondo di solidarietà bisogna essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • mutuo erogato che non superi i 250mila euro
  • mutuo destinato all’acquisto di un immobile non di lusso adibito ad abitazione principale
  • il primo anno del piano di ammortamento deve essere stato interamente pagato
  • il reddito dell’intestatario del mutuo non deve essere superiore a 30mila euro.

Per ottenere una delle 2 agevolazioni sopra descritte la documentazione necessaria deve essere presentata alla banca che provvederà a verificare il possesso dei requisiti in questione entro e non oltre 20 giorni dalla presentazione della richiesta.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.