Moratoria: 73 mila imprese hanno già chiesto la sospensione dei pagamenti

73 mila imprese e società hanno chiesto la moratoria sui debiti per un importo medio di 4.600 euro al mese. L’Indagine condotta da Crif evidenza un profondo stato di difficoltà.

di , pubblicato il
73 mila imprese e società hanno chiesto la moratoria sui debiti per un importo medio di 4.600 euro al mese. L’Indagine condotta da Crif evidenza un profondo stato di difficoltà.

Due richieste di moratoria su tre sono state presentate da società di capitali. Lo rivela Crif in una indagine condotta su miglia di imprese che, in base al DL Cura Italia, hanno fatto richiesta di sospendere i pagamenti.

Per meglio valutare l’atteggiamento tenuto dalle imprese rispetto all’opportunità offerta dalla moratoria Crif ha analizzato circa 73.000 linee di credito riconducibili a imprese individuali e società di capitali per le quali è stata fatta richiesta di sospensione delle rate ed è stata correttamente contribuita (nel corso del mese di marzo) l’informazione in Eurisc, il principale Sistema di Informazioni Creditizie attivo in Italia gestito da Crif.

Le richieste di mutui liquidità sono la maggioranza

Di queste, spiega una nota, 20.500 riguardano mutui immobiliari, 6.027 prestiti personali, 1.372 prestiti finalizzati e quasi 2.456 contratti di leasing e altri prodotti rateali. La componente maggioritaria è però rappresentata da mutui di liquidità, con oltre 42.200 richieste. La dinamica registrata da Crif trova evidenti accentuazioni in funzione della dimensione d’impresa. Nello specifico, 2 richieste su 3 sono state presentate da società di capitali a fronte di una quota pari al 28,2% per le società di persone e del 2,4% per le ditte individuali. Dall’analisi emerge anche che i contratti relativi a imprese che sono stati sospesi grazie alla moratoria sono mediamente risultati essere i più onerosi in termini di impegno mensile e debito residuo, confermando la necessità da parte delle imprese, specie quelle di minore dimensione o meno capitalizzate, di sospendere il pagamento di rate che rappresentano un impegno significativo.

Rata media sospesa pari a 4.600 euro

Per le società di capitali la rata media mensile sospesa grazie alla moratoria risulta pari a 4.619 euro a fronte di un importo residuo di quasi 284.000 euro.

Decisamente più contenuta la rata mensile delle società di persone, pari a 1.774 euro, a fronte dei 699 euro delle ditte individuali. Entrando nel dettaglio delle diverse forme tecniche, per i mutui immobiliari per i quali è stata ottenuta la sospensione dei rimborsi grazie alla moratoria la rata media mensile è risultata essere pari a 3.850 euro mentre l’importo residuo ancora da rimborsare per estinguere il finanziamento è di oltre 500.000 euro. Per gli altri mutui la rata mensile dei contratti per i quali è stata ottenuta la moratoria è invece pari a 3.730 euro, a fronte di un debito residuo di oltre 138.000 euro, contro i 3.889 euro dei prestiti personali e i 3.293 euro dei contratti di leasing. La rata media sostenuta dalla imprese per i presti finalizzati supera di poco i 500 euro.

Argomenti: ,