Sospensione cartella esattoriale, stessa procedura per gli accertamenti esecutivi

Sospensione cartella esattoriale e sospensione accertamenti esecutivi sempre su istanza scritta del contribuente interessato. La precisazione dell'Agenzia delle entrate

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Sospensione cartella esattoriale e sospensione accertamenti esecutivi sempre su istanza scritta del contribuente interessato. La precisazione dell'Agenzia delle entrate
Richiesta scritta di sospensione della cartella esattoriale e degli accertamenti esecutivi

Sospensione cartella esattoriale a istanza del contribuente. Fornisce chiarimenti in merito alla novità introdotta dalla recente legge di stabilità 2013 l’Agenzia delle entrate con la circolare n. 1/E del 15 febbraio 2013, in risposta ai quesiti posti dalla stampa specializzata.

Sospensione cartella esattoriale 2013

La nuova procedura introdotta dalla legge di stabilità 2013 consente ad istanza del contribuente di richiedere la sospensione della cartella di pagamento e degli altri atti dell’agente della riscossione ( si veda il nostro articolo Cartella Equitalia annullabile a domanda del contribuente).

In particolare allora si prevede che dal 1° gennaio 2013 Equitalia dispone la sospensione immediata dell’attività di riscossione qualora il cittadino presenti una specifica dichiarazione con cui attesti che le somme richieste dall’ente creditore, attraverso Equitalia, siano state interessate da: 

  • prescrizione o decadenza del credito, prima della formazione del ruolo;
  • provvedimento di sgravio emesso dall’ente creditore;
  • sospensione amministrativa (dell’ente creditore) o giudiziale
  • sentenza che abbia annullato in tutto o in parte la pretesa dell’ente creditore, emesse in un giudizio al quale il concessionario per la riscossione non ha preso parte;
  • un pagamento effettuato, prima della formazione del ruolo
  • qualsiasi altra causa di non esigibilità del credito

La domanda posta dalla stampa specializzata alle Entrate riguarda la possibilità di applicare questa sospensione anche agli accertamenti esecutivi atteso che le norma fa riferimento anche alle “somme affidate” all’agente della riscossione e non solo alle iscrizioni a ruolo/cartelle.

Sospensione cartella esattoriale e sospensione accertamenti esecutivi

Risponde a tale domanda, l’Amministrazione finanziaria ricordando che sì la legge 24 dicembre 2012, n. 228 la cosiddetta legge di stabilità 2013, all’art. 1, comma 537, ha previsto che, a decorrere dall’entrata in vigore della stessa, gli enti e le società incaricate per la riscossione dei tributi sono tenuti a sospendere immediatamente ogni ulteriore iniziativa finalizzata alla riscossione dei tributi, su presentazione di una dichiarazione da parte del debitore, limitatamente alle partite relative agli atti espressamente indicati dal debitore, effettuata ai sensi del successivo comma 538.

La circolare n. 1/E dell’Agenzia delle entrate

In base al tenore letterale della norma, precisa l’Agenzia,  l’Agente della riscossione è tenuto, quindi, a sospendere l’attività di riscossione anche con riguardo alle somme affidate in seguito alla notifica di un accertamento con valore di titolo esecutivo per il quale sia trascorso inutilmente il termine ultimo di pagamento. Ovviamente, il contribuente che abbia ricevuto la notifica di un accertamento esecutivo potrà richiedere la sospensione di cui trattasi solo dopo l’affidamento del carico all’agente della riscossione.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Cartella esattoriale