Sistema tessera sanitaria in tilt: la denuncia dei commercialisti

L’invio dei dati al sistema tessera sanitaria da febbraio sarà mensile. L’ANC (associazione nazionale commercialisti) non ci sta

di , pubblicato il
L’invio dei dati al sistema tessera sanitaria da febbraio sarà mensile. L’ANC (associazione nazionale commercialisti) non ci sta

Sistema tessera sanitaria malfunzionante e regole inutili da rivedere. E’ questa la denuncia avanzata dall’Associazione nazionale commercialisti (ANC) attraverso il comunicata stampa pubblicato sul proprio sito istituzionale nella giornata del 20 gennaio 2021.

L’associazione ricorda che la scadenza del 31 gennaio 2021 è vicina per l’invio dei dati e che è inaccettabile avere il sistema di trasmissione non funzionante a pochi giorni dalla predetta data.

Adempimento (attualmente annuale) che dal prossimo mese di febbraio diventerà mensile, con un aggravio al calendario delle decine di scadenze mensili, “oltretutto senza garantire neanche un servizio efficiente, quando il tracciato con i dati potrebbe tranquillamente continuare ad essere annuale”.

Sistema tessera sanitaria da rivedere per l’ANC

Ricordiamo che al sistema tessera sanitaria, gli operatori del settore (medici, ecc.) inviano i dati delle spese dei contribuenti necessari alla predisposizione del Modello 730 precompilato (le spese mediche detraibili per intenderci).

Altra lamentela dell’associazione è riferita proprio al fatto che l’adempimento prevedrà di comunicare anche gli oneri pagati in contanti, quando, invece, “la ratio del sistema era far confluire dal 2020 nelle dichiarazioni precompilate quei pagamenti tracciabili che per motivi di privacy non potevano atterrare sullo SDI”.

Il comunicato stampa si chiude con l’appello al MEF (Ministero dell’economia e finanze) del presidente Marco Cuchel, il quale chiede un immediato intervento sull’attuale malfunzionamento e un generale ripensamento dell’intero sistema (tempi, modalità e merito).

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: ,