Si torna alla ‘normalità’ sulle pensioni: ecco le ultime info sui pagamenti di aprile e dei prossimi mesi

Finalmente si torna alla 'normalità' sulle pensioni. Ecco, infatti, le ultime info sui pagamenti di aprile 2022. Ed anche quelli dei prossimi mesi per gli assegni INPS. Gli aggiornamenti.

di , pubblicato il
Ecco come ti arriveranno i 200 euro del bonus e quando: modalità di pagamento in base al tipo di contratto o pensione

Finalmente si torna alla ‘normalità’ sulle pensioni. Ecco, infatti, le ultime info sui pagamenti di aprile 2022. Ed anche quelli dei prossimi mesi per gli assegni INPS. Già per il mese prossimo, infatti, si tornerà al pagamento degli assegni INPS a partire dal primo giorno del mese.

Si torna quindi alla ‘normalità’ sulle pensioni in quanto il prossimo 31 marzo del 2022 terminerà, senza proroghe, lo stato di emergenza per la pandemia di Covid-19. Il Gruppo Poste Italiane per il ritiro della pensione negli uffici postali, infatti, ha reso noto ed ha confermato la fine dei pagamenti in anticipo.

Si torna alla ‘normalità’ sulle pensioni: ecco le ultime info sui pagamenti di aprile e dei prossimi mesi

Dato che si torna alla ‘normalità’ sulle pensioni, quindi, quelle di aprile non saranno pagate a partire dagli ultimi giorni del mese di marzo del 2022. Sebbene, proprio con il ritorno del pagamento degli assegni INPS alla vecchia maniera, ci sia preoccupazione e rischio caos. Così come è riportato in questo articolo.

Di conseguenza, si torna alla ‘normalità’ sulle pensioni, ma in realtà si è pure alzato un coro di proteste. In quanto a molti pensionati prendere i soldi con qualche giorno di anticipo ha fatto sempre comodo. Proprio in questi due anni di pandemia.

Sui pagamenti di aprile e dei prossimi mesi si torna così alla vecchia maniera

Inoltre, si torna alla ‘normalità’ sulle pensioni non solo per aprile 2022, ma anche per i pagamenti degli assegni INPS per i prossimi mesi. Proprio perché per il Gruppo Poste Italiane, in ragione della fine dello stato di emergenza, pagare le pensioni in anticipo non ha più motivo e ragione di esistere. E questo, tra l’altro, anche perché per pagare gli assegni INPS in anticipo la società quotata in Borsa a Piazza Affari si è accollata dei costi.

Argomenti: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,