Sconti IVA su pannolini e biberon e tax flax per pensioni all’estero: tutti i no che pagheremo nel 2017

Sconti IVA su pannolini e biberon, tax flax pensioni all'estero e non solo: ecco quali emendamenti sono stati bocciati e quali sono ancora in piedi

di , pubblicato il
Sconti IVA su pannolini e biberon, tax flax pensioni all'estero e non solo: ecco quali emendamenti sono stati bocciati e quali sono ancora in piedi

Niente sconti IVA su pannolini e biberon e nessuna tax flax per attirare i pensionati all’estero: queste le due più grandi novità, purtroppo non tutte positive, che emergono dall’ultima votazione della Commissione Bilancio della Camera. Bocciate alcune proposte che avrebbero potuto alleggerire il peso della pressione fiscale. Di seguito alcuni dei più attesi emendamenti bocciati e quelli che invece sono ancora in piedi e in discussione.

Fumata nera in particolare per una proposta che muore ancor prima di vedere la luce: la tassazione agevolata per attirare in Italia i redditi dei pensionati all’estero. Guardando al numero di pensionati italiani che emigrano all’estero attratti dalle agevolazioni fiscali, Scelta Civica aveva proposto una strategia simile anche da noi, per attirare pensionati dall’estero con tassazione agevolata al 10%.

Il Partito Pensionati aveva già messo le mani avanti per ricordare di pensare anche agli italiani che non vanno all’estero e che stentano a vivere dignitosamente con la sola pensione. La Commissione ha in ogni caso respinto come inammissibile l’emendamento che conteneva la proposta per via dell’estraneità di materia. Nessun margine di trattazione quindi, per questo come per altri 900 circa dei 2600 emendamenti presentati in totale.

Semaforo rosso anche l’ipotesi sconti IVA agevolata su pannolini, biberon e altri generi di prima necessità per l’infanzia.

No alla delega al Governo per regolare gli affitti brevi.

Altri emendamenti bocciati riguardano: gli standard richiesti per diventare guida turistica, l’innalzamento della no tax area per le pensioni di reversibilità agli orfani fino a 2 mila euro, sconti fiscali per abbonamento ai mezzi di trasporto pubblico e la tassa sulle barche di lusso.

Restano invece in piedi gli emendamenti su: riduzione degli anni di versamenti da 36 a 30 per i lavori gravosi, Naspi a favore dei lavoratori stagionali, estensione del part time agevolato anche ai lavoratori precoci nel 2019 e rifinanziamento del fondo di sostegno per le famiglie delle vittime di gravi infortuni sul lavoro.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,