Sciopero scuola 13 novembre 2015: ecco chi aderisce

Sciopero scuola: i Cobas confermano la protesta del 13 novembre 2015 contro la legge 107 (Buona scuola) e anche alla luce della Legge di Stabilità 2016

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
Sciopero scuola: i Cobas confermano la protesta del 13 novembre 2015 contro la legge 107 (Buona scuola) e anche alla luce della Legge di Stabilità 2016

Confermato lo sciopero del personale della scuola per il 13 novembre 2015. La Legge di Stabilità 2016 non ha risolto la questione dei precari e della quota 96, anzi. In una nota dei COBAS si punta il dito proprio contro la “Legge di (in)stabilità, grottesca “offerta” ai lavoratori/trici della scuola e del Pubblico impiego: dopo sei anni di blocco contrattuale, aumenti salariali di 8 euro (lordi) al mese”. Un contentino che non basta a placare gli animi e a fermare lo sciopero nazionale indetto contro la legge 107. Piero Bernocchi  portavoce nazionale COBAS ha fatto notare come la stampa nazionale si sia soffermata poco sulla contraddizione maggiore della Legge di Stabilità 2016: 8 euro lordi offerti ai lavoratori/trici della scuola “a fronte di una perdita di almeno il 20% di salario (tra i 250 e i 300 euro)”. Non è andata meglio ai lavoratori/trici prigionieri della Legge Fornero: per loro “non ci sarà alcun anticipo del pensionamento ma, se essi/e proprio lo desiderano, dopo i 63 anni potranno auto-dimezzarsi lo stipendio, già misero, lavorando in part-time”. Ma c’è dell’altro: per quanto riguarda docenti ed Ata, “il governo vorrebbe inserire nel rinnovo contrattuale tutto il peggio della Legge 107 della Buona Scuola, sanzionandovi lo strapotere dei presidi-padroni che valutano, assumono e licenziano e i sedicenti “premi di merito” ai docenti più proni alle direttive dell’aziendalizzazione scolastica”.   Queste dunque le motivazioni, alla luce anche del testo della Legge di Stabilità 2016, che portano a confermare lo sciopero generale del comparto scuola per il prossimo 13 novembre. Ad oggi l’invito dei Cobas alle cinque single sindacali (Cgil, Cisl, Uil, Snals e Gilda) non ha però ricevuto risposta. L’idea è quella di bissare lo sciopero dello scorso 5 maggio. Come atto preparativo allo sciopero del 13 novembre, l’appuntamento è in piazza per il 24 ottobre 2015. Dal canto loro i Cobas sono disponibili anche a spostare la data dello sciopero, sempre entro la prima metà di novembre

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Quota 96