Sciopero generale 18 marzo 2016: trasporti e tutti i servizi a rischio

Sciopero generale 18 marzo 2016: quali sono i settori interessati e i trasporti a rischio?

di , pubblicato il
Sciopero generale 18 marzo 2016: quali sono i settori interessati e i trasporti a rischio?

Proclamato per il giorno 18 marzo 2016 uno sciopero generale nazionale dalla Confederazione Unitaria di base (CUB), dal Sindacato intercategoriale Cobas lavoratori Autorganizzati (SI Cobas) e dalla Segreteria Nazionale dell’Unione Sindacale Italiana che interesserà tutte le categorie di lavoratori del settore pubblico e privato.   Come assicura il sito del Governo “nel corso dello sciopero saranno assicurati, dalle Amministrazioni pubbliche interessate, adeguati livelli di funzionamento dei servizi pubblici essenziali di cui all’articolo 1 della legge 12 giugno 1990, n. 146 e successive modificazione ed integrazioni, mediante l’erogazione delle prestazioni indispensabili individuate dai contratti collettivi di lavoro, così come interpretati dalla Commissione di Garanzia ai sensi dell’art. 13 della citata legge n. 146/1990 e successive modificazioni ed integrazioni”. Sciopero generale 18 marzo 2016 trasporti: modalità ed info città per città   Lo sciopero è proclamato per l’intera giornata del 18 marzo mentre per i ferrovieri è dichiarato dalle 21,00 del 17 marzo alle 21,00 del 18 marzo.

 

Settori interessati ed orario dello sciopero:

Trasporto pubblico locale : 24 ore il giorno 18 marzo secondo le modalità previste a livello locale Trasporto ferroviario: dalle 21,01 del 17/03/16 alle 21,00 del 18/03/16 Trasporto aereo e attività aeroportuali : dalle 00,01 alle 23,59 del 18/03/16 Trasporto marittimo: per il personale amministrativo intero turno di lavoro del 18/03/16, per il personale viaggiante collegamento isole maggiori 24 ore da un’ora prima delle partenze del 18 marzo, per il personale viaggiante collegamento isole minori dalle 00,01 alle 24,00 del 18 marzo. Anas : tutto il personale, compreso quello turnista, per l’intero turno di lavoro dalle ore 6,00 del 18 marzo alle ore 6,00 del 19 marzo. Nella prossima pagina le motivazioni dello sciopero.  

Motivazioni dello sciopero

Sul sito della Cub sono riportate le motivazioni che hanno portato alla protesta:

  •  Contro la guerra e gli interventi militari all’estero che dietro al pretesto della lotta al terrorismo promuovono piani imperialistici di sfruttamento e oppressione.
  • Contro la politica economica e sociale del governo renzi e dell’unione europea, contro il jobs act e le altre misure per il mercato del lavoro, contro l’abolizione dell’art. 18.
  • Contro il blocco dei contratti pubblici e privati, l’aziendalizzazione della contrattazione e l’individualizzazione del rapporto di lavoro, contro le privatizzazioni, le grandi opere dannose e la distruzione del territorio.
  • Contro la legislazione che a vario modo favorisce precarizzazione e forme di sfruttamento selvaggio (esternalizzazioni, appalti, subappalti, cooperative di comodo) come ampiamente appurato nel settore della logistica, del cargo e della salute pubblica e privata.
  • Contro la riforma della scuola, per la stabilizzazione del personale.
  • Contro il fiscal compact, il pareggio di bilancio inserito nella costituzione.
  • Contro la riforma del mercato del lavoro, che lascia milioni di disoccupati privi di mezzi di sussistenza e promuove lavoro gratuito senza la garanzia del salari.
  • Per la redistribuzione del reddito attraverso consistenti aumenti salariali per tutti i lavoratori e pensionati.
  • Per la rivalutazione delle pensioni, riduzione degli anni per il diritto alla pensione, salute e sicurezza sui posti di lavoro. Diritto all’abitare, contro la precarietà e lavoro gratuito
  • Per il diritto al lavoro, attraverso la riduzione d’orario a parita’ di salario, investendo per la bonifica dei siti inquinati, la messa in sicurezza del territorio, il risparmio energetico e le energie alternative.
  • Per la libertà di circolazione della forza lavoro, la parità di diritti agli immigrati e l’integrale abolizione della legge bossi-fini.

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.