Sciopero donne 8 marzo 2017 si o no? Cosa sapere per decidere se partecipare

Se sei una donna forse ti starai chiedendo se prendere parte o no allo sciopero indetto per domani, 8 marzo 2017, simbolicamente in occasione della Festa delle Donne. Ecco cosa bisogna sapere

di , pubblicato il
Se sei una donna forse ti starai chiedendo se prendere parte o no allo sciopero indetto per domani, 8 marzo 2017, simbolicamente in occasione della Festa delle Donne. Ecco cosa bisogna sapere

Abbiamo visto che domani sarà un 8 marzo diverso: in occasione della Festa delle Donne il popolo rosa ha indetto uno sciopero delle donne in tutto il mondo e in tutti gli ambiti della vita professionale, incluso il lavoro domestico. Una protesta contro la violenza degli uomini al grido “se le nostre vite non valgono allora ci fermiamo”, ma non solo. Ecco le motivazioni dello sciopero globale e che cosa sapere per decidere se partecipare o no.

Sciopero donne 8 marzo 2017: ecco chi parteciperà

Diverse le sigle sindacali che in Italia hanno aderito allo sciopero della Festa delle Donna. Tra i settori pubblici occhi puntati soprattutto su trasporti (treni e aerei) e scuola. Lezioni a rischio. Saranno comunque rispettate le fasce minime di garanzia.

Non solo lavoratrici: come far sentire la propria voce l’8 marzo 2017

E se le lavoratrici, dei diversi settori, sciopereranno (con effetti prevedibili soprattutto nel comparto scuola e trasporti), anche le casalinghe e le donne disoccupate possono far sentire la loro voce per sostenere la battaglia dell’8 marzo. Molti gli eventi organizzati in tutta Italia. La protesta serve anche a sostenere i diritti delle donne emigrate nel nostro Paese: permesso, asilo, diritti, cittadinanza e ius soli sulla convinzione che anche il razzismo è una forma di violenza.

I colori della protesta saranno fucsia e nero: anche indossare vestiti di queste tinte è un modo per prendere parte allo sciopero.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.