Scegliere il nome per la tua attività prendendo esempio dai marchi famosi: perché Pepsi, Nutella e altri si chiamano così?

Scegliere il nome per la tua attività seguendo l'esempio dai marchi più famosi: scopri perché Pepsi, Nutella e altri si chiamano così e scegli un marchio vincente.

di , pubblicato il
Scegliere il nome per la tua attività seguendo l'esempio dai marchi più famosi: scopri perché Pepsi, Nutella e altri si chiamano così e scegli un marchio vincente.

La tua azienda non decolla? Forse non è il prodotto o l’attività ad essere sbagliata: forse devi solo scegliere un nome giusto per il logo. L’economia è piena di marchi vincenti che sono diventati icone di successo. Ti sei mai chiesto perché ad esempio la Pepsi o la Nutella si chiamano così?

Dalla Pepsi alla Nutella: quando scegliere il nome giusto può fare la differenza

Leggendo sul sito della Pepsi si scopre che il suo inventore, Caleb Davis Bradham, era un farmacista e che la sua bevanda doveva servire a favorire la digestione (Dispepsia significa difficoltà di digestione).

In alcuni casi il colpo di fortuna nello scegliere il nome giusto è doppio perché si deve ad un’intuizione geniale magari si ma che nasce da un errore. E’ il caso di Google, chiamato così dopo che uno studente della Stanford University sbagliò a pronunciare la parola “googleplex”, con cui in matematica ci si riferisce ad uno dei più grandi numeri descrivibili.

Può sembrare banale ma a volte il semplice cognome di famiglia, magari rielaborato con un tocco di fantasia, può diventare un marchio vincente. Pensiamo a McDonald’s (cognome di due fratelli che gestivano un ristorante che serviva hamburger a San Bernardino, in California) o ad Adidas (acronimo delle iniziali del fondatore Adolf Dassler e non, come qualcuno più romanticamente ha ipotizzato, di “All Day I Dream About Soccer”). In tema sportivo più evocativo è Nike, l’azienda concorrente dell’Adidas, che si chiama così in onore della dea della vittoria.

Anche Ikea deriva dal nome del fondatore, Ingvar Kamprad, combinando le iniziali con prime lettere della fattoria e del villaggio dove crebbe nel sud della Svezia: Elmtaryd e Agunnaryd. Non è quindi una parola svedese come molti credono.

Chiudiamo questa panoramica con Nutella che in origine si chiamava Supercrema Giandujot: la trovata fu quella di unire la parola “nut” che in inglese significa frutta secca, con il suffisso italianizzante –ella.

Leggi anche:

Fiat Argo, perché si chiama così

Aprire un sito: come scegliere il nome del dominio e quanto si paga

.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.