Scadenze fiscali febbraio 2019: attenzione alle nuove tasse che debuttano quest’anno

Scadenze fiscali: il mese di febbraio 2019 segna il passaggio tra vecchio e nuovo. Ecco le tasse del mese da pagare.

di , pubblicato il
scadenze fiscali maggio

Quali sono le novità in merito alle scadenze fiscali 2019? E’ un mese particolare per i contribuenti perché accanto ai consueti adempimenti verso il Fisco, debuttano nuovi pagamenti. Ecco le novità da segnare.

Scadenze fiscali 2019: date da segnare e tasse da pagare

Come abbiamo accennato Febbraio 2019 sarà un mese impegnativo sul fronte delle scadenze fiscali.

Tra vecchio e nuovo si accavallano: prima liquidazione IVA dei mensili post avvio fattura elettronica, esterometro, LIPE, spesometro ed i consueti adempimenti fiscali periodici.

Possiamo individuare due date cruciali per le scadenze fiscali del mese: 18 e 28 febbraio 2019.

Scadenze fiscali 18 febbraio 2019

Lunedì 18 febbraio si apre con la scadenza della liquidazione IVA per i contribuenti mensili, ma lo stesso giorno coincide anche con la prima scadenza legata alla fattura elettronica. Per effetto della moratoria sulle sanzioni, infatti, il 18 febbraio scade il termine entro il quale i contribuenti che liquidano l’IVA mensilmente potranno inviare le fatture elettroniche (ovvero i relativi file xml) all’Agenzia delle Entrate. Sempre il 18 febbraio scadono anche gli adempimenti fiscali periodici che hanno competenza relativa al mese precedente (il 16 infatti cade di sabato). Entro il 18 febbraio quindi i contribuenti dovranno provvedere a: versamento Irpef, versamento IVA e contributi INPS relativi a gennaio 2019.

Scadenze fiscali 28 febbraio 2019

La seconda data cruciale da segnare nel calendario fiscale è il 28 del mese.
A proposito di novità è da segnalare la prima scadenza per l’esterometro, il nuovo adempimento introdotto con il Decreto Legislativo numero 127/2015.
In particolare, il comma 3 dell’articolo 1 del Decreto Legislativo numero 127/2015 prevede che:
“I soggetti passivi trasmettono telematicamente all’Agenzia delle entrate i dati relativi alle operazioni di cessione di beni e di prestazione di servizi effettuate e ricevute verso e da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato, salvo quelle per le quali è stata emessa una bolletta doganale e quelle per le quali siano state emesse o ricevute fatture elettroniche secondo le modalità indicate nel comma 3.
La trasmissione telematica è effettuata entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello della data del documento emesso ovvero a quello della data di ricezione del documento comprovante l’operazione”.

Lascia perplessi il fatto che nello scadenzario ufficiale dell’Agenzia delle Entrate non ci sia riferimento esplicito a questo adempimento anche se probabilmente si tratta solo di una svista.
Il prossimo 28 febbraio 2019 è anche il termine ultimo per:
• le comunicazioni delle liquidazioni IVA relative al IV trimestre 2018 (ottobre, novembre e dicembre);
• lo spesometro relativo al II semestre 2018.
Nel mezzo di queste due date principali si trova l’invio degli elenchi Intrastat che scade il 25 febbraio.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.