Saldo Tari 2016: novembre è il mese di scadenza, ma non per tutti è lo stesso giorno

Attenzione alla scadenza del saldo della Tari: in ogni comune la data è diversa ma indicativamente quasi sempre l'ultima rata si paga a novembre.

di , pubblicato il
Attenzione alla scadenza del saldo della Tari: in ogni comune la data è diversa ma indicativamente quasi sempre l'ultima rata si paga a novembre.

In scadenza entro la fine di novembre il pagamento della Tari 2016. La tassa sui rifiuti, però, essendo regolata dai Comuni, non si paga ovunque allo stesso modo e negli stessi termini temporali.

Ci sono Comuni che hanno scelto il pagamento in un’unica soluzione a maggio, altri che hanno suddiviso il pagamento della Tari in diverse rate con scadenze in mesi diversi, mentre la maggior parte dei Comuni italiani hanno scelto di dividere il pagamento in 2 rate, una con scadenza a maggio e una con scadenza a novembre (scelta saggia per non far coincidere il pagamento della tassa con quello di Tasi e Imu le cui due rate scadono a giugno e dicembre).

Il Comune di Padova, ad esempio, ha scelto di far pagare ai propri cittadini la Tari in 3 rate con scadenza il 16 marzo, il 16 luglio e il 16 novembre. Il Comune di Massa ha deciso di suddividere il pagamento in 4 rate con scadenza il 31 maggio, 31 luglio, 30 settembre e 30 novembre 2016.

Il Comune di Taranto, invece, pur suddividendo il pagamento il 4 rate farà pagare l’ultima ai contribuenti entro il 16 dicembre.

Ma generalmente il saldo, o ultima rata, della Tari è richiesto entro la fine di novembre. I pagamenti sono concentrati tra il 16 e il 30 novembre 2016.

Per quei Comuni che inviano i bollettini di pagamento all’approssimarsi della scadenza della rata non ci sono grossi problemi. Ma ci sono Comuni, invece, come ad esempio Bologna, dove entrambe le rate sono giunte nel mese di maggio, allo scadere della prima rata. In questi casi deve essere il contribuente a ricordarsi della scadenza del saldo della Tari per non cadere in morosità con il Comune.

La cosa migliore da fare, in questi casi, è quella di consultare il sito istituzionale del proprio Comune di residenza per capire entro quando il saldo andrà pagato.

Per le novità previste per la Tari 2017 potete approfondire leggendo l’articolo: Tari 2017: aliquote, scadenze e panoramica sulla tassa per il servizio raccolta rifiuti

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,