Saldi truffa e prezzi maggiorati: famoso negozio di abbigliamento condannato

Saldi truffa: prezzi maggiorati sul cartellino, così si annulla il risparmio. Ma arriva una sentenza storica che pone fine alla pratica scorretta. Ecco il primo negozio (famoso) sanzionato.

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
Saldi truffa: prezzi maggiorati sul cartellino, così si annulla il risparmio. Ma arriva una sentenza storica che pone fine alla pratica scorretta. Ecco il primo negozio (famoso) sanzionato.

Saldi truffa: prezzi maggiorati sul cartellino per poi simulare uno sconto di fatto inesistente o comunque meno conveniente di quanto non appaia. Tra le regole di accortezza durante il periodo dei saldi questa è quella che ricorre con più frequenza: controllare, quando possibile, i prezzi anche nei giorni che precedono i saldi ed eventualmente fotografare i cartellini della merce che più interessa per poi poter provare la pratica scorretta messa in atto. Non è solo un luogo comune. Aduc aveva messo in allerta con un comunicato stampa che potete leggere qui ma ora arriva anche la sentenza, che colpisce in primis un famoso negozio ma che è destinata a fare scuola anche per altre catene.

Leggi anche: Saldi, cosa non comprare nel periodo di sconti

Saldi interrotti per truffa: lo scandalo Mango fa notizia

A promuovere azione contro il famoso negozio di abbigliamento è stata la Codacons che ha ottenuto nella ordinanza del tribunale di Milano n.9013/2017 una vittoria molto importante contro questa pratica ingannevole e purtroppo, pare, parecchio diffusa a danno della trasparenza alla quale i clienti avrebbero diritto. L’effetto è stato l’interruzione della campagna di sconti per la storica catena di Mango Italia Srl. Solo un primo passo: l’obiettivo di Codacons è quello di liberalizzare i saldi, estendendo la possibilità di applicare sconti tutto l’anno il che porterebbe ad un rilancio dei consumi.

Saldi Mango: la risposta del negozio all’accusa di truffa sui cartellini dei prezzi

Mango, intanto, ha risposto smentendo categoricamente la pratica scorretta e precisando che la politica di prezzi nel negozio è la stessa per tutta la stagione e in tutti i Paesi. Per questo motivo il negozio presenterà appello contro la sentenza. La spiegazione che dà della vicenda del doppio prezzo sul cartellino è che le etichette  originali  di  tutti  gli  indumenti  della  collezione  MANGO  arrivano  di  default   con  i  prezzi  spagnoli  o  portoghesi  e  vengono  così  riportati  sull’etichetta  in  Italia  con  il  prezzo  corrispondente  al   proprio  mercato.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: News diritto, Saldi, Truffe