Ristori quater in Gazzetta Ufficiale: proroghe e sospensioni confermate

Entrano in vigore, dal 30 novembre 2020, le nuove misure varate dal Governo con il decreto Ristori quater a fronte dell'emergenza Covid-19

di , pubblicato il
Entrano in vigore, dal 30 novembre 2020, le nuove misure varate dal Governo con il decreto Ristori quater a fronte dell'emergenza Covid-19

Approdato in Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.297 del 30 novembre 2020, il decreto Ristori quater (decreto-legge n. 157 del 2020) contenente ulteriori disposizioni urgenti connesse all’emergenza Covid-19.

Il decreto entra in vigore dalla stessa data di pubblicazione e si compone di 27 articoli e 2 allegati.

Il provvedimento era stato varato in Consiglio dei Ministri nella tarda serata del 29 novembre 2020 e nessuna modifica rispetto a questo presenta il testo finito in Gazzetta.

Conferma proroga Modello Redditi/2020 e secondo acconto imposte

Resta confermata, quindi, la proroga al 10 dicembre 2020 del termine di presentazione del Modello Redditi/2020 e del Modello IRAP/2020. Confermate anche:

  • la proroga al 10 dicembre 2020 del secondo acconto imposte per tutti gli esercenti attività di impresa, arte e professioni
  • la proroga al 30 aprile 2021 per le imprese con un fatturato non superiore a 50 milioni di euro nel 2019 e che hanno registrato un calo del 33% del fatturato nei primi sei mesi del 2020 rispetto al primo semestre del 2019
  • la proroga al 30 aprile 2021, a prescindere dal volume di fatturato e dall’andamento dello stesso, del secondo acconto imposte per le attività oggetto delle misure restrittive del Dpcm del 3 novembre; per quelle operanti nelle zone rosse; nonché per i ristoranti in zona arancione.

Non cambia la sospensione versamenti di dicembre

Confermata altresì la sospensione dei versamenti ricadenti a dicembre 2020, in merito a contributi previdenziali, ritenute alla fonte ed IVA. La sospensione si applica:

  • alle imprese con un fatturato non superiore a 50 milioni di euro nel 2019 e che hanno registrato un calo del 33% del fatturato nel mese di novembre 2020 rispetto allo stesso mese del 2019
  • a prescindere dal volume di fatturato e dall’andamento dello stesso, alle attività chiuse a seguito del Dpcm del 3 novembre, per quelle oggetto di misure restrittive con sede nelle zone rosse, per i ristoranti in zone arancioni e rosse, per tour operator, agenzie di viaggio e alberghi nelle zone rosse.

I versamenti sospesi potranno effettuarsi, senza sanzione ed interessi, in unica soluzione entro il 16 marzo 2021 oppure in 4 rate mensili di pari importo, con la prima entro il 16 marzo 2021.

Potrebbe anche interessarti:

Argomenti: , ,