Riscatto laurea flessibile, ecco per chi, per quali anni e a quale costo

Il riscatto della laurea ai fini pensionistici diventa flessibile: ecco per chi e per quali anni. Quando conviene?

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
Il riscatto della laurea ai fini pensionistici diventa flessibile: ecco per chi e per quali anni.  Quando conviene?

Nel dossier pensioni, che definisce il meccanismo di uscita quota 100, spunta l’ipotesi di rendere flessibile il riscatto laurea per alcune categorie di lavoratori. Ecco per chi e a quali condizioni e quali sarebbe i possibili vantaggi del riscatto laurea flessibile.

Riscatto laurea flessibile: come scegliere quanti contributi versare

Si chiama riscatto flessibile perché è il lavoratore che decide quanti contributi versare all’Inps. La condizione è che il lavoro sia iniziato dopo il primo gennaio 1996 e che, quindi, il lavoratore rientri nel sistema contributivo. La pensione sarà quindi calcolata sulla base dei contributi versati. Chi aderisce a questo sistema accetterà una penalizzazione sulla pensione ma, in compenso, potrà smettere di lavorare mediamente con 4-5 anni di anticipo (in base alla durata del corso di laurea oggetto del riscatto). L’idea è quella di rendere il riscatto della laurea più accessibile diminuendone il costo.

Quanto costa anticipare la pensione con il riscatto laurea?

Il riscatto della laurea in linea generale è piuttosto oneroso. Facendo un esempio pratico per rendere meglio l’idea, ad una donna di 40 anni con 11 anni di versamenti alle spalle, il riscatto laurea potrebbe costare intorno ai 65 mila euro. Ora, grazie alla proposta di riscatto flessibile che stiamo esaminando, la stessa potrebbe decidere di riscattare solo in parte questa cifra, ad esempio anticipando 15 mila euro e accettando al contempo un assegno pensionistico più basso. In altre parole è come se la differenza non pagata per il riscatto del titolo di studio intero, venisse distribuita a rate sulla pensione mensile. Chi sarebbe disposto a pagare questo compromesso per andare in pensione prima?
Ricordiamo in chiusura che la flessibilità nel riscatto sarà comunque aperta solo a chi ha iniziato a lavorare dopo il primo gennaio 1996 e che, quindi, rientra nel calcolo pensione con il sistema contributivo.

Maggiori dettagli saranno verosimilmente disponibili se la proposta diventerà ufficiale.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Pensioni, Riscatto contributi