Riparte il dialogo tra Commercialisti e Ministero, sul tavolo la prossima riforma fiscale

La categoria dei commercialisti ha ribadito l’opportunità di un confronto “prima di fare dei passi in avanti sulla strada della riforma del sistema fiscale”.

di , pubblicato il
La categoria dei commercialisti ha ribadito l’opportunità di un confronto “prima di fare dei passi in avanti sulla strada della riforma del sistema fiscale”.

Continua il dialogo tra commercialisti e esponenti politici a pochi giorni dal maxi-sciopero del 15 settembre.

L’obbiettivo dell’incontro è quello sottoporre le rivendicazioni della categoria ad esponenti istituzionali.

Tra le richieste vi è quella di poter contribuire alla stesura della prossima riforma fiscale, istituendo “un tavolo tecnico permanente convocato dal ministero dell’Economia”, e la revisione del calendario delle scadenze fiscali.

Sciopero dei commercialisti

Le associazioni dei commercialisti ed esperti contabili hanno formalmente proclamato uno sciopero di categoria dal 15 al 22 settembre.

La protesta consisterà nell’astensione per otto giorni della presentazione delle liquidazioni periodiche IVA (LIPE) II trim 2020, ai sensi art. 21 bis DL 78/2010 nonché nell’astensione dalla presenza in udienza per otto giorni presso le Commissioni Tributarie provinciali e regionali da parte degli iscritti all’Ordine dei Dottori Commercialisti.

Le motivazioni dell’azione di protesta sono “le reiterate lesioni delle prerogative professionali degli iscritti all’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, che hanno procurato danno all’attività svolta dagli stessi a favore dei contribuenti e del tessuto imprenditoriale del Paese ma anche il clima di profonda frattura che si è instaurato tra Governo e professionisti” e, in particolare, il “rifiuto ad accogliere l’istanza di proroga al 30 settembre 2020 dei versamenti derivanti dall’autoliquidazione dei modelli dichiarativi”.

Incontro tra commercialisti e Villarosa

Secondo le ultime dichiarazioni del tesoriere del Consiglio nazionale dei commercialisti, Roberto Consolo (rilasciate all’agenzia Ansa.it): i contenuti del colloquio di questa mattina, al ministero dell’Economia, insieme ad una delegazione dei sindacati della categoria e in presenza del sottosegretario Alessio Villarosa (M5s), sarebbero stati di vario tipo, ma, in particolare, la categoria ha ribadito l’opportunità di un confronto “prima di fare dei passi in avanti sulla strada della riforma del sistema fiscale”, nonché della necessaria revisione del calendario delle scadenze fiscali.

Guide e articoli correlati

Scadenze fiscali

Scadenze fiscali da settembre a dicembre: quali tasse dobbiamo pagare entro fine anno

Argomenti: ,