Rimborso Imu, 250mila italiani lo chiedono a gran voce

Sono tantissime le richieste di rimborso presentate in meno di due settimane e ci sarebbe tempo fino alla fine di febbraio

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Sono tantissime le richieste di rimborso presentate in meno di due settimane e ci sarebbe tempo fino alla fine di febbraio

Rimborso Imu. E’ questo quello che chiedono circa 250mila cittadini italiani secondo i dati forniti dall’associazione Contribuenti.it.

Rimborso Imu: si muovono le associazioni

Dopo la class action promossa dal’ex Ministro all’economia, Giulio Tremonti ( si veda il nostro articolo Rimborso Imu, la class action di Tremonti), che fonda la richiesta di rimborso nell’illegittimità costituzione della tassa sugli immobili anticipata sperimentalmente al 2012 dal governo tecnico guidato dal prof. Monti, ora politico a tutti gli effetti con la sua candidatura alle elezioni del 24 e 25 febbraio prossimo, e il “rimprovero” lanciato dalla Commissione europea al nostro paese sull’iniquità della tassa ( si veda il nostro articolo L’Imu crea povertà, l’allarme della Commissione europea), molte associazioni di consumatori si stanno muovendo per il rimborso della tassa sugli immobili in questione. In meno di due settimane, sono pervenute già 25mila richieste di rimborso, tra cui il sito Contribuenti.it che ha predisposto un apposito modello per avanzare richiesta di rimborso da inviare entro la data perentoria del 28 febbraio 2013.

La risoluzione n. 2/DF del Dipartimento delle Finanze

In tema sempre di rimborso, quando si è  versato di più di quanto dovuto, si ricorda che il Dipartimento delle Finanze con la risoluzione n. 2/DF, ha sancito che tale istanza possa essere indirizzata esclusivamente al comune.  Se la normativa Imu non individua in maniera esplicita il Comune quale soggetto attivo del tributo, non vi è nemmeno una disposizione chiara su chi sia il soggetto tenuto a rimborsare l’imposta versata in eccesso. Il Dipartimento Finanze però precisa che  per ottenere il rimborso di importi non dovuti e per effettuare i conguagli necessari nei casi in cui sia sbagliata la suddivisione delle somme, il contribuente deve rivolgersi esclusivamente all’ente locale perché la natura del tributo è prettamente comunale. (Si veda il nostro articolo Rimborso Imu da chiedere al Comune).

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tasse e Tributi