Rimborso 730, lavoro colf e badante, quando arriva? | La Redazione risponde

Lavoro domestico (colf e badante), il rimborso 730 chi lo paga e quando arriva? | La Redazione risponde.

di Angelina Tortora, pubblicato il
Pensione APE Sociale requisiti

Rimborso 730 e lavoro come colf, il quesito di una nostra lettrice:

Buongiorno volevo chiedere, entro quanto arriva il versamento del 730, io l’ho presentato a giugno e ancora no ho visto niente lavoro come colf.

Rimborso 730 lavoro domestico

Il lavoro come colf, badante e tutti i lavori domestici, si diferenziano dal classico rapporto di lavoro. Il datore di lavoro domestico non riveste, ai sensi dell’art. 4 comma 6 del D.P.R. n. 322/1998, la qualifica di sostituto d’imposta.

Per questo motivo non effettua le ritenute e non può effettuare le operazioni di conguaglio risultanti dal modello 730 presentato dal lavoratore.

Il rimborso, in questi casi, avviene tramite l’Agenzia delle Entrate, i tempi sono più lunghi, ma entro fine anno dovrebbe ricevere l’accredito.

Consigliamo di comunicare le coordinata bancarie all’Agenzia delle Entrate, per accellerare il rimborso.

Leggi anche: Quanto costa una badante e come metterla in regola?

Presentazione del modello per accredito rimborso 730

Il modello per comunicare l’Iban deve essere presentato dal contribuente direttamente:

  • in via telematica, se è in possesso di pincode, tramite la specifica applicazione;
  • presso un qualsiasi ufficio dell’Agenzia delle Entrate, che provvederà ad acquisire le coordinate del conto corrente del richiedente.

Queste modalità sono le uniche previste per comunicare il codice Iban all’Agenzia delle Entrate.

E’ possibile scaricare qui il modello di comunicazione coordinate IBAN: Accredito rimborsi su conto corrente

Rimborso 730, senza comunicazione delle coordinate

Se non sono state fornite le coordinate del conto corrente, il rimborso è erogato con metodi diversi a seconda della somma da riscuotere:

  • per importi inferiori a 1.000 euro, comprensivi di interessi, il contribuente riceve un invito a presentarsi in un qualsiasi ufficio postale dove potrà riscuotere il rimborso in contanti, mentre per importi pari o superiori a 1.000 euro il rimborso viene eseguito con l’emissione di un vaglia della Banca d’Italia.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lettere, News Fisco, Lavoro domestico, Modello 730