Rimborsi pensioni agosto, qualcosa non quadra: quanto è stato restituito?

Quanto ha risparmiato il governo con il rimborso una tantum sulle pensioni?

di , pubblicato il
Quanto ha risparmiato il governo con il rimborso una tantum sulle pensioni?

Il 3 agosto, con la corresponsione della pensione, coloro che percepiscono trattamenti compresi tra 3 e 6 volte hanno visto arrivare il rimborso della mancata rivalutazione delle pensioni per gli anni 2012 e 2013.   Il decreto pensioni del governo numero 65 del 2015 aveva previsto un rimborso parziale delle mancate rivalutazioni e rispetto al rimborso integrale, che sarebbe spettato ai cittadini, si è restituito soltanto l 12,4 %.   Secondo i calcoli della Cgia di Mestre la mancata indicizzazione delle pensione è costata 17,6 miliardi di euro mentre il rimborso di agosto vale soltanto 2,18 miliardi di euro.

  Il decreto pensioni del governo, giunto dopo la sentenza della Corte di Cassazione che ha giudicato il blocco delle rivalutazioni delle pensioni deciso dal Salva Italia del 2011 come illegittimo, non ha disposto il risarcimento integrale degli arretrati ma un rimborso pensioni parziale stabilendo una rivalutazione diversa per il biennio 2012/2013 , per il biennio 2014/2015 e per gli anni dal 2016 in poi.   Nelle tasche dei pensionati, quindi, sono finiti 2,18 miliardi dei 17,6 non erogati. La restituzione ha riguardato pensionati che nel 2012 percepivano pensioni comprese tra i 1406 e i 2895 euro.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: