Rimborsi pensioni: a quanto ammontano?

A quanto ammonterà il rimborso delle pensioni per il blocco delle indicizzazioni dichiarato incostituzionale dalla Consulta?

di , pubblicato il
A quanto ammonterà il rimborso delle pensioni per il blocco delle indicizzazioni dichiarato incostituzionale dalla Consulta?

Il 1 agosto 2015 l’Inps sarà tenuta al pagamento degli arretrati per la mancata rivalutazione della pensione dopo la sentenza della Corte Costituzionale sul blocco delle pensioni.   Dopo il decreto del governo a essere risarcite con un rimborso una tantum saranno le pensioni da 3 volte il minimo a 6 volte il minimo in base ad un meccanismo confermato oggi con una circolare.

  Il reintegro per gli anni 2012 2013 sarà percepito in questo modo

  • 100% dalle pensione di 3 volte il minimo
  • 40% dalle pensioni superiori a 3 volte il minimo e fino a 4 volte
  • 20% le pensioni tra 4 e 5 volte il minimo
  • 10% per le pensioni tra 5 e 6 volte il minimo

  Per quanto riguarda, invece, gli anni 2014 e 2015 la rivalutazione sarà riconosciuta sempre alle pensioni da 3 volte il minimo a 6 volte il minimo e sarà pari al 20% della percentuale assegnata ad ogni fascia di reddito per i due anni precedenti (2012-2013).   Quanto sarà, quindi, l’importo del rimborso che percepirà ogni pensionato?   Vediamo nel dettaglio gli importi che saranno assegnati il prossimo 1 agosto in base all’importo della pensione: per le pensioni fino a 1500 euro la rivalutazione una tantum per gli arretrati 2012/2015 sarà pari a 796,27 euro. In particolare per le pensioni fino a 1500 saranno corrisposti:

  • per il 2012 210,6 euro
  • per il 2013 447,2 euro
  • per il 2014 89,96 euro
  • per il 2015 48,51 euro
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: