Rimborsi cashback 150 euro: arrivano i primi bonifici, ma sono i 1.500 che fanno gola

Rimborsi cashback 150 euro: arrivano i primi bonifici, ma sono i 1.500 che fanno gola. Ecco perché, ed anche perché c'è da attendere. Attesa lunga col rischio di uscire fuori dalla classifica dei primi 100.000.

di , pubblicato il
Rimborsi cashback 150 euro: arrivano i primi bonifici, ma sono i 1.500 che fanno gola

Sui rimborsi cashback 150 euro: arrivano i primi bonifici, ma sono i 1.500 euro che fanno gola. Ovverosia, il super premio che sarà per molti ma non per tutti. Ovverosia, per i primi 100 mila in classifica tra tutti coloro che, nel rispetto delle condizioni previste, hanno partecipato al cashback di Stato.

I rimborsi cashback 150 euro stanno comunque arrivando. I primi bonifici, a favore dei legittimi beneficiari, sono infatti già partiti. E tutti, salvo clamorosi ritardi, saranno rimborsati entro la fine del corrente mese.

In quanto il pagamento del cashback 150 euro è previsto entro 60 giorni a partire dal 30 giugno del 2021. Che è stato il giorno ultimo relativo alla prima delle due finestre semestrali per il cashback di Stato. Dopodiché, per il periodo dall’1 luglio al 31 dicembre del 2021, su decisione del Governo italiano il programma è stato sospeso.

Rimborsi cashback 150 euro: arrivano i primi bonifici, ma sono i 1.500 euro che fanno gola

I rimborsi cashback 150 euro sono quelli per i pagamenti effettuati, avendo aderito al programma, nei negozi. Ma a patto di aver utilizzato strumenti di pagamento tracciabili.

Quindi niente cash per un programma, quello del cashback di Stato, riservato ai privati, e quindi ai cittadini-consumatori. A disporre i pagamenti, per i rimborsi cashback 150 euro, è la Consap con bonifico sull’IBAN fornito all’atto dell’adesione al programma.

Pagamenti Super Cashback, per i 1.500 euro che fanno gola c’è da attendere

Detto dei rimborsi cashback 150 euro, non saranno invece effettuati entro agosto 2021 i 1.500 euro che fanno gola. Ovverosia, il cosiddetto Super Cashback che spetterà ai primi 100.000 in classifica. Con la classifica finale e definitiva, tra l’altro, che potrebbe cambiare fino all’ultimo momento a causa dei ricorsi.

Il cittadino, infatti, ha il diritto di presentare un reclamo se, per esempio, ritiene di aver effettuato con moneta elettronica più transazioni rispetto a quelle effettivamente rilevate e registrate dall’app IO. Anche per questo per i 1.500 euro che fanno gola c’è da attendere. In quanto il termine fissato ad oggi, per i bonifici, è fissato al 30 novembre del 2021.

Argomenti: