Rigo E41, E42, E43, E44 -730 QUADRO E: spese relative ad interventi di recupero del patrimonio edilizio

di Alessandra De Angelis, pubblicato il

 

 

Sezione III A: spese relative ad interventi di recupero del patrimonio edilizio per le quali sono previste detrazioni del 41% o del 36%. Vi rientrano spese per:

  • Manutenzione ordinaria

  • Manutenzione straordinaria

  • Ristrutturazione

  • Restauro e risanamento conservativo

  • Insonorizzazione o cablatura

     

Requisiti degli immobili:

  • Avere funzione  residenziale

  • Essere censiti all’Ufficio del Catasto

  • Essere in regola con il pagamento dell’Ici

  • Essere situati in Italia

     

Beneficiari:

  • Proprietario dell’immobile

  • Nudo proprietario

  • Detentore dell’immobile

  • Titolare di un diritto reale di godimento

  • Familiare o convivente del possessore o detentore

  • Futuro acquirente risultante da contratto preliminare

     

Adempimenti a carico del beneficiario:

  • Trasmettere al Centro servizio delle imposte dirette e indirette dell’Agenzia delle Entrate di Pescara del modulo contenente data inizio lavori. Per lavori superiori a € 51.645, 69 va allegata dichiarazione di esecuzione dei lavori sottoscritta da un ingegnere, architetto, geometra o altro soggetto abilitato. Per lavori iniziati dopo il 13 maggio 2011 in alternativa basta indicare nella dichiarazione dei redditi:

° Estremi delle abilitazioni amministrative se  necessarie o della dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà

° Dati catastali dell’immobile

° Estremi di registrazione dell’atto che ne costituisce il titolo

° Ricevute di pagamento ICI

° Tabelle millesimali

  • Trasmettere alla Asl PRIMA dell’inizio dei lavori comunicazione con i dettagli dei lavori da svolgere.

  • Pagamento delle spese NECESSARIAMENTE tramite bonifico specificante causale, patita iva della ditta  e codice fiscale del contribuente

     

Detrazioni:

  • 36% per spese sostenute dal 2002 al 2005 e dal 2007 al 2011 e per le fatture emesse dal 1 ottobre al 31 dicembre 2006

  • 41% per le fatture emesse dal 1 gennaio al 30 settembre 2006

Limiti massimi:

  • € 77.468, 53 per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2002

  • € 48.000,00 per le spese sostenute dal 2003 al 2011

     

N.B. Dal 1 ottobre 2006 il limite è inteso ad immobile e non  a proprietario quindi in caso di comproprietà va diviso tra i proprietari. Per lavori che durano più anni, a partire dal 2002, il limite non si conta per anno ma per tutta la durata dei lavori.

 

ESEMPIO 1: due comproprietari di un immobile con le seguenti quote: A 40% B 60% hanno diviso in percentuale 300 mila euro di spesa di ristrutturazione nel 2002. Poiché il limite massimo fino al 31 dicembre 2002 è di €  77.468, 53 e la detrazione per quell’anno è al 36% l’importo da dedurre è 31.762 € ciascuno.

 

ESEMPIO 2: Tizio e Caio sono comproprietari rispettivamente al 50% di un appartamento. Alla fine del 2006 fanno un lavoro di ristrutturazione da 54.000 €. Il tetto massimo è di 48.000 € per immobile quindi in questo caso 24.000 a persona. La detrazione sarà del 36% quindi l’importo deducibile ammonta a 8640 € ciascuno.

 

Ripartizione della detrazione:

  • 10 rate annuali di pari importo

  • 5 rate annuali di pari importo (solo per contribuenti over 75 anni)

  • 3 rate annuali di pari importo (solo per contribuenti over 80 anni)

     

Casella 161 e 162 (E41-E46): Va OBBLIGATORIAMENTE indicato l’anno in cui sono state sostenute le spese.

Se l’anno è il 2006 va compilata anche la casella 162 inserendo

  • il codice 1 per fatture emesse dal 1 gennaio al 30 settembre 2006

  • Il codice 2 per fatture emesse dal 1 ottobre al 31 dicembre 2006

 

 

Rigo E1: Spese SanitarieRigo E15: spese per addetti all’assistenza personale
Rigo E2: spese sanitarie per familiari non a caricoRigo E16: spese per attività sportive dei ragazzi
Rigo E3: spese sanitarie per soggetti disabiliRigo E17, E18 e E19: altri oneri per i quali spetta la detrazione
Rigo E4: spese per veicoli per disabiliRigo E21, E22, E23, E24, E25, E26, E27, E28, E29, E30, E31
Rigo E5: spese per l’acquisto di cani guidaRigo E41, E42, E43, E44: interventi di recupero patrimonio edilizio
Rigo E6: spese sanitarie rateizzate in precedenzaRigo E51, E52, E53: detrazione del 36% per lavori iniziati nel 2011
Righi da E7 a E11: interessi passiviRigo E61, E62, E63 – 730: interventi di riqualificazione energetica
Rigo E13: spese di istruzioneRigo E71, E 72 -730: detrazione per i canoni di locazione
Rigo E14: spese funebriRigo E81, E82.0, E83: altre detrazioni d’imposta

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Modello 730

I commenti sono chiusi.