Riforma pensioni con addio quota 100, fisco e caro bollette: cosa ci aspetta ad ottobre

Riforma pensioni con addio quota 100, fisco e caro bollette: cosa ci aspetta ad ottobre? Di sicuro, e prima di tutto, l'autunno sarà davvero caldissimo per il Governo Draghi. Gli scenari, le ultimissime e le attese.

di , pubblicato il
Quota 100 rivista nel 2022: come potrebbe cambiare se non sarà cancellata

Tra riforma pensioni con addio quota 100, fisco e caro bollette: cosa ci aspetta ad ottobre? Di sicuro, e prima di tutto, l’autunno sarà davvero caldissimo per il Governo che è guidato dal presidente del Consiglio Mario Draghi.
In quanto il problema del caro bollette, da risolvere, si è aggiunto solo di recente. Mentre per la riforma pensioni con addio quota 100, è giusto dirlo, sembra di essere ancora in alto mare. Nonostante il triennio sperimentale della quoto 100 scadrà tra poco più di tre mesi.

Detto della riforma pensioni con addio quota 100 al palo, ancor peggiori sono le aspettative relative alla riforma fiscale. Perché il Governo italiano con ragionevole certezza metterà mano alla tassazione. Al riguardo, forse, arriverà la riforma del catasto. Così come riportato in questo articolo. Ma con ogni probabilità gli interventi di riduzione delle tasse a favore delle famiglie e delle imprese saranno rinviati al 2022.

Riforma pensioni con addio quota 100, fisco e caro bollette: cosa ci aspetta ad ottobre

Detto questo, la riforma pensioni con addio quota 100 non è più rinviabile. Ma il Governo italiano ad oggi non sembra aver trovato la quadra con le parti sociali. Così come non sarà per nulla facile modificare la previdenza pubblica lasciando tutti contenti a livello politico. Visto che la maggioranza che sostiene il Governo Draghi è alquanto eterogenea.

Ad oggi, sulla riforma pensioni con addio quota 100, ci sono tante ipotesi sul tavolo. Al punto che di questo passo, senza una posizione chiara da parte dell’Esecutivo, a regnare sovrana sarà solo la confusione.

Cosa ci aspetta ad ottobre sulla previdenza pubblica in vista della fine quota 100

In particolare, ed in vista della fine quota 100 dal 2022, si parla di Ape sociale rafforzata ed estesa, ed anche della proroga di Opzione Donna.

Due misure che, pur tuttavia, senza la quota 100 dal 2022 potrebbero non essere sufficienti per coprire tutte le uscite anticipate dal lavoro.

Al punto che, sulla riforma pensioni con addio quota 100, potrebbe esserci ancora una misura simile. Magari istituendo un apposito fondo per coprire per tutto il 2022 le uscite anticipate dal lavoro. Magari non a 62, ma a 63-64 anni di età.

Argomenti: , , , , , ,