Riforma pensioni: arriva il bonus per gli incapienti e i pensionati

Bonus esteso anche a pensionati ed autonomi incapienti? La decisione spetta al governo.

di , pubblicato il
Bonus esteso anche a pensionati ed autonomi incapienti? La decisione spetta al governo.

In attesa di una decisione definitiva su quella che sarà la riforma delle pensioni per correggere gli errori della Legge Fornero, i pensionati guardano con interesse alla somma di 1,6 miliardi di euro di cui è emersa la disponibilità con il Def 2015.   La possibilità di poter usare questa somma per estendere la platea dei beneficiari del bonus da 80 euro promosso ed approvato lo scorso anno dal premier Matteo Renzi potrebbe interessare molti pensionati, soprattutto quelli con un assegno previdenziale più basso.

  Già dall’approvazione del bonus Irpef si era parlato di una sua possibile espansione anche ai pensionati ma la platea del bonus da 80 euro non è stata mai estesa.   Oggi però giunge la notizia che i beneficiari della somma di 1,6 miliardi di euro potrebbero essere gli incapienti coloro, cioè, che hanno un reddito inferiore a quello richiesto per il pagamento delle tasse. Non tutti gli incapienti, però, potranno beneficiare del bonus essendo le risorse molto limitate, e così il Governo potrebbe decidere di darlo soltanto ai lavoratori dipendenti, così come il bonus di 80 euro, ma anche ai pensionati e agli autonomi. In base a quale sarà la platea che usufruirà del tesoretto la somma mensile che spetterà ai beneficiari potrebbe variare dai 20 a i 52 euro mensili. Se anche i pensionati dovessero rientrare nella platea dei beneficiari la somma che spetterebbe loro sarebbe al massimo di 29 euro mensili.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,