Riforma pensioni 2022 con tantissime proposte ancora in gioco, ecco quali

La riforma pensioni 2022 con tantissime proposte ancora in gioco, ecco quali per il ritiro anticipato dal lavoro. E per il dopo Quota 100. Analizziamo i possibili scenari.

di , pubblicato il
Riforma pensioni 2022 con tantissime proposte ancora in gioco, ecco quali

C’è la riforma pensioni  dal 2022 con tantissime proposte che ci sono ancora in gioco, ecco quali. Perché ad oggi ancora nulla è deciso. Nemmeno per la Quota 100. In quanto è vero che il triennio sperimentale si chiuderà il prossimo 31 dicembre del 2021. Ma nel 2022 la misura di pensionamento anticipato potrebbe apparire in altre forme. Per esempio, con la quota 97 così come riportato in questo articolo.

Nel dettaglio, per la riforma pensioni dal 2022 il Governo italiano, prima di tutto, è orientato sulla maggior tutela dei lavoratori che svolgono delle mansioni gravose o usuranti. Ragion per cui, tra le tantissime proposte che ci sono ancora in gioco spicca il cosiddetto super Ape Social. Ovverosia l’attuale anticipo pensionistico in scadenza il prossimo 31 dicembre del 2021. Ma confermato, esteso e pure potenziato per il 2022.

Riforma pensioni dal 2022 con tantissime proposte ancora in gioco, ecco quali sono

Se da un lato tra le proposte che ci sono ancora in gioco il super Ape Social è il più accreditato per la riforma pensioni dal 2022, dall’altro la cosiddetta Quota 41 ha scarse possibilità di essere approvata. Da parte del Governo italiano che è guidato dal presidente del Consiglio Mario Draghi.

La quota 41 è stata infatti proposta dai sindacati e, nello specifico, permetterebbe ai lavoratori di andare in pensione con 41 anni di contributi previdenziali versati. Senza alcun requisito anagrafico da rispettare. Pur tuttavia, considerando anche i costi per una misura di questo tipo, nell’ambito della riforma pensioni dal 2022 la quota 41 pura è da tempo la meno accreditata.

Le proposte ancora in gioco, dalla proroga di Opzione Donna alla pensione di garanzia giovani

Al pari del super Ape Social, per la riforma pensioni dal 2022 sono alte le probabilità di proroga di Opzione Donna.

Permettendo così alle lavoratrici di andare in pensione a 58-59 anni con 35 anni di contributi previdenziali versati.

Infine, il Governo italiano per il lungo termine sta pensando pure all’introduzione di una pensione di garanzia per i giovani. Nello specifico, una sorta di integrazione al trattamento minimo. Considerando anche il fatto che, a partire dal 2032, tutte le pensioni saranno calcolate con il sistema contributivo puro. Il che significa che dal 2032 tutte le pensioni saranno tutte commisurate all’ammontare dei contributi previdenziali versati.

Argomenti: , , , , , ,