Riforma lavoro Fornero, parte il monitoraggio permanente

Avviato il monitoraggio permanente delle disposizioni della riforma lavoro Fornero, la legge n, 92/2012, con l'obiettivo di verificare gli effetti della normativa

di , pubblicato il
Avviato il monitoraggio permanente delle disposizioni della riforma lavoro Fornero, la legge n, 92/2012, con l'obiettivo di verificare gli effetti della normativa

La riforma del lavoro Fornero, la legge n. 92 del 2012, oggetto di monitoraggio permanente sotto il coordinamento del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

Il decreto occupazione

Il mercato del lavoro e la crescita occupazionale è l’obiettivo principale posto sia con l’adozione della legge Fornero, la legge n. 92 del 2012 che con il recente pacchetto lavoro, il decreto legge n. 76 del 28 giugno 2013. Proprio con quest’ultimo decreto, il Consiglio dei Ministri concentra la sua azione di rilancio del mercato del lavoro su piu’ fronti in particolare, ossia: l’accelerazione della creazione di posti lavoro a tempo determinato e indeterminato, con particolare riferimento ai giovani e ai disoccupati, l’anticipo della cosiddetta ‘garanzia giovani’, la politica europea che partirà dal primo gennaio 2014, gli interventi in materia previdenziale e di politiche sociali; il miglioramento della legge 92/2012, con l’obiettivo di rendere il mercato del lavoro più fluido; il rafforzamento delle tutele per i lavoratori e le imprese. (Per maggiori dettagli si veda il nostro articolo  Incentivi assunzione nel decreto occupazione, ecco tutte le novità).

Riforma lavoro Fornero: parte il monitoraggio  

Questo l’ultimo provvedimento in tema di lavoro. Il precedente provvedimento è la legge di riforma lavoro Fornero, la legge n. 92 del 2012 che è stata anche, in alcune parti, oggetto di modifiche da parte del D.L. occupazione, il Decreto legge n. 76 del 28 giugno 2013 ( si veda il nostro articolo      Contratto a progetto, le novità nel decreto occupazione). Ebbene proprio questa legge di riforma lavoro Fornero è ora oggetto di monitoraggio permanente da parte dell’Inps, Inail, Isfol, Italia Lavoro, Istat, Mef, Ministero della Giustizia, ecc. che vengono coordinati dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

Rappresentanti di Regioni, Province, Comuni e Unioncamere faranno invece parte del Comitato tecnico che coordina lo sviluppo del sistema.  Il monitoraggio permanente della legge di riforma lavoro Fornero, la legge n. 92 del 2012, punta a favorire la crescita economica e la realizzazione di un mercato del lavoro inclusivo e dinamico attraverso la valutazione delle misure previste dalla legge 92/2012 e anticipa una delle raccomandazioni formulate dall’Ue nei confronti dell’Italia.

Monitoraggio riforma lavoro: obiettivi

Tramite questo monitoraggio permanente si permetterà di migliorare significativamente il disegno delle politiche del lavoro e il dibattito pubblico su queste ultime, utilizzando al meglio dati statistici e analisi di qualità, rendendo così possibile il monitoraggio delle tendenze in atto sul mercato del lavoro e degli effetti provocati dalla riforma e dai futuri aggiustamenti alle normative vigenti. Inoltre, verranno sviluppati strumenti di lavoro dei singoli interventi, secondo le migliori pratiche internazionali. L’istituzione del sistema anticipa una delle raccomandazioni dell’Unione europea nei confronti dell’Italia.

 Monitoraggio riforma lavoro: il Comitato scientifico

 Il nuovo sistema di monitoraggio della riforma lavoro Fornero sarà supervisionato da un Comitato scientifico, composto da esperti provenienti dal mondo istituzionale e accademico. Il Comitato in questione assicurerà anche che i dati prodotti dal sistema siano resi disponibili all’utenza scientifica, alle parti sociali e ai cittadini, nel rispetto della normativa sulla tutela dei dati personali.

 [fumettoforum]

Argomenti: