Riforma Fiscale, Miani: fondi insufficienti

Buone le intenzioni del legislatore ma la riforma fiscale non sembrerebbe poggiare su credibili basi finanziarie.

di , pubblicato il
Buone le intenzioni del legislatore ma la riforma fiscale non sembrerebbe poggiare su credibili basi finanziarie.

Il presidente del Consiglio nazionale dei commercialisti, Massimo Miani, in una recente dichiarazione, si è pronunciato in merito alla prossima riforma fiscale.

Seppur le intenzioni del legislatore sono state promosse, le critiche riguardano le risorse stanziate, ritenute troppo modeste.

Riforma fiscale, mancano le risorse

Miani, nelle dichiarazioni rilasciate nel corso del suo intervento al 4° Forum dei commercialisti, organizzato dal quotidiano “Italia Oggi”, promuove le intenzioni del legislatore, ma, ora come ora, la riforma fiscale in discussione in parlamento “non sembrerebbe poggiare su credibili basi finanziarie”.

Le risorse a disposizione, spiega Miani, “ammontano a 8 miliardi di euro per il 2022 e 7 miliardi a regime dal 2023, di cui però 5,5 miliardi di euro risultano già impegnati nella importante e condivisibile riforma dell’assegno unico per i figli a carico”.

Non è possibile pensare di riformare il sistema fiscale avendo a disposizione soltanto 2,5 miliardi per l’anno 2022 e 1,5 miliardi a regime dall’anno 2023.

Uno spiraglio dalla Retroazione fiscale

Ad ogni modo, ha aggiunto Miani, “nell’ultima legge di bilancio (…) la quadratura delle coperture è stata ottenuta conteggiando, a partire dal 2022, ben 13 miliardi derivanti dagli effetti della cosiddetta “retroazione fiscale”. Si tratta di un gettito aggiuntivo che nasce “dal volano economico generato dalle misure espansive di maggiori spese e minori entrate”.

Anche in questo caso, dunque:

sarebbe lecito attendersi un’analoga disponibilità a mettere, tra le coperture di misure di riduzione della pressione fiscale, anche gli effetti di retroazione da esse determinate, rendendo così un po’ meno ostica sul piano finanziario, per quanto sempre complessa, l’adozione di queste misure.

Articoli correlati

Argomenti: ,