Riforma del lavoro: le novità del contratto a progetto

Il progetto deve essere specifico, determinato dal committente e svolto in maniera autonoma dal collaboratore e se svolge attività analoghe a quelle dei dipendenti si considera rapporto subordinato

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Il progetto deve essere specifico, determinato dal committente e svolto in maniera autonoma dal collaboratore e se svolge attività analoghe a quelle dei dipendenti si considera rapporto subordinato

La riforma del lavoro 2012, targata Fornero, ha messo mani sul contratto a progetto, introducendo disposizioni che possano evitarne un uso improprio da parte dei datori di lavoro.

 

Nella giornata di ieri infatti è stata votata la quarta fiducia del Governo Monti in riferimento questa volta alla riforma del mercato del lavoro. Tra le novità più importanti occhi puntati sui contratti a progetto. Onde evitare un uso improprio dei rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, la riforma del lavoro punta a modificare soprattutto il progetto che deve essere determinato dal committente e gestito, in maniera del tutto autonoma, dal collaboratore.

 

Contratto a progetto

La particolarità del nuovo contratto a progetto infatti è che i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa prevalentemente personali e senza vincolo di subordinazione, devono essere riconducibili a uno o più progetti specifici, determinati dal committente e gestiti autonomamente dal collaboratore. Progetto specifico perché funzionalmente collegato a un certo risultato finale.

 

Il progetto deve essere specifico

Nel contratto di lavoro deve essere descritto il progetto, individuando il suo contenuto caratterizzante e il risultato finale che si intende perseguire. Il contratto a progetto inoltre non può comportare lo svolgimento di compiti meramente esecutivi o ripetitivi, che potranno anche essere individuati dai contratti collettivi stipulati dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

 

Contratto a progetto: quando è rapporto subordinato?

Si considera rapporto di lavoro subordinato sin dalla data della sua costituzione, il contratto a progetto quando l’attività del collaboratore è svolta con modalità analoghe a quella svolta dai lavoratori dipendenti dell’impresa committente, fatte salve le prestazioni di elevata professionalità che possono essere individuate dai contratti collettivi. Si tratta di una presunzione relativa, visto che il committente potrà fornire prova contraria.

 

Partita Iva come collaborazione continuativa

Da ultimo, si considerano rapporti di collaborazione coordinata e continuativa le prestazioni rese da persone titolari di partita Iva in casi precisi ossia quando:

  • la collaborazione abbia una durata complessivamente superiore a otto mesi nell’arco dell’anno solare;
  • il corrispettivo derivante da tale collaborazione, anche se fatturato a più soggetti riconducibili al medesimo centro d’imputazione di interessi, costituisca più del 80 per cento dei corrispettivi complessivamente percepiti dal collaboratore nell’arco dello stesso anno solare;
  •  il collaboratore disponga di una postazione fissa di lavoro presso una delle sedi del committente.

 

 

Sullo stesso argomento ti potrebbe interessare:

Contratto a progetto: come cambierà con la riforma del lavoro

 

Segui la discussione sul nostro forum:

Il nuovo contratto a progetto

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lavoro e Contratti