Reversibilità, quale percentuale spetta: calcolo da fare partendo dall’importo pensione ed esempi

La pensione di reversibilità è un assegno erogato dall’Inps in favore dei familiari di un lavoratore assicurato. Ecco come si calcola.

di , pubblicato il
Come far capire ai giovani che non potranno vivere di pensione

La pensione di reversibilità o la pensione dei superstiti è l’indennità che spetta ai familiari di un lavoratore assicurato o di un pensionato iscritto in una delle gestioni previdenziali Inps. Si tratta di un importo che è calcolato tenendo in considerazione del grado di parentela dei familiari superstiti e la composizione del nucleo familiare.

Rispondiamo ad un quesito posto da una lettrice:

“Se mio marito aveva come ultimo stipendio circa 1300 euro quanto mi spetta di reversibilità?”.

Pensione di Reversibilità: cos’è?

La pensione di reversibilità è un assegno erogato dall’Inps in favore dei familiari di un lavoratore assicurato o di pensionato iscritto in una delle gestioni previdenziali dell’INPS.

Per aver diritto alla pensione di reversibilità è necessario che l’assicurato iscritto all’Istituto Nazionale di Previdenza sia titolare di pensione diretta o in corso di liquidazione.

Pensione di reversibilità: a chi spetta?

La disciplina dell’erogazione della pensione di reversibilità è contenuta nell’articolo 1, comma 41, della Legge 8 agosto 1995, n. 335, e vi rientrano:

  • i figli ed equiparati che, alla data di decesso dell’assicurato o del pensionato, non abbiano superato il 18° anno di età o siano riconosciuti inabili al lavoro e a carico del genitore;
  • il coniuge, anche se separato legalmente o divorziato a condizione che sia titolare dell’assegno periodico divorzile e che non sia passato a nuove nozze;
  • i genitori dell’assicurato o pensionato che abbiano compiuto il 65° anno di età e risultino a carico del lavoratore deceduto. Ciò in assenza di coniuge e figli;
  • i fratelli celibi e sorelle nubili dell’assicurato o pensionato che non siano titolari di pensione e siano a carico del lavoratore deceduto. Ciò in assenza di coniuge, figli e genitore.

Calcolo Pensione di Reversibilità: quanto spetta al coniuge?

Per quanto concerne il calcolo della pensione di reversibilità, l’importo che decorre dal primo giorno del mese successivo a quello del decesso dell’assicurato, è calcolato in funzione dell’importo dello stipendio/pensione liquidata. A seconda delle percentuali che variano in funzione del grado di parentela con il soggetto assicurato, è possibile calcolare l’importo della pensione di reversibilità spettante.

Rispondiamo al quesito posto:

“Se mio marito aveva come ultimo stipendio circa 1300 euro quanto mi spetta di reversibilità?”.

Al coniuge spetta il 60%, di conseguenza la moglie può incassare un assegno pari a 780 euro. In presenza di un figlio la percentuale riconosciuta è pari al 70%, di conseguenza l’assegno è pari a 910 euro. in presenza di coniuge e un figlio ovvero due figli senza coniuge, la percentuale riconosciuta è pari all’80%, ovvero 1.040 euro. Il 100% è riconosciuto al coniuge e due o più figli ovvero tre o più figli. Per ogni altro familiare avente diritto, diverso dal coniuge, figli e nipoti, la percentuale riconosciuta è pari al 15%.

 

Argomenti: