Resto al Sud: domande al via, chi può inviarle e regioni interessate

Dal 15 gennaio si possono inviare le domande per il progetto Resto al Sud, volto a finanziare le imprese emergenti del Mezzogiorno.

di , pubblicato il
Dal 15 gennaio si possono inviare le domande per il progetto Resto al Sud, volto a finanziare le imprese emergenti del Mezzogiorno.

Ha finalmente preso il via il progetto Resto al Sud, promosso dal Ministro per la Coesione territoriale ed il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti, dedicato ai giovani imprenditori del Mezzogiorno che decidono, appunto, di non lasciare il paese. Dal 15 gennaio è possibile inviare la domanda per ottenere il finanziamento che può arrivare anche a 200mila euro. Sul piatto ci sono infatti 1,25 miliardi di euro volti a finanziare progetti diversi: aziende, attività come bar, pizzerie, taxi, agricoltura, turismo e via dicendo tranne che attività libero professionali e il commercio.

L’unico requisito fondamentale è quello di vivere in una delle regioni del Mezzogiorno interessate. Vediamo come funziona e chi può farne richiesta.

Chi può fare richiesta e quali regioni sono interessate

Dal 15 gennaio 2018 è possibile fare domanda per accedere al finanziamento del progetto “Resto al Sud”, che ha lo scopo di incentivare l’imprenditoria giovanile nel Mezzogiorno appunto e sostenere le aziende. Possono fare richiesta i giovani tra 18 e 35 anni che non siano titolari di altre attività o imprese, che non abbiano  usufruito di altre agevolazioni negli ultimi tre anni e che non abbiano un rapporto di lavoro a tempo indeterminato.

Resto al Sud, fino a 200 euro ai giovani: ecco quali attività sono finanziabili

Per quanto riguarda le cifre finanziate, il massimo è di 50 mila euro se il soggetto richiedente è unico mentre 200 mila euro se la richiesta viene presentata da più soggetti riferito però allo stesso tipo di società da creare o in fase di creazione. Le regioni interessate dal progetto sono quelle del Sud Italia: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. Le domande possono essere inviate tramite il sito di Invitalia.

Non c’è una scadenza per l’invio, tutte le proposte saranno esaminate seguendo l’ordine cronologico di invio e saranno accettate solo quelle in regola con i requisiti previsti dalla legge e che contengano un progetto di impresa valido e sostenibile.

Resto al Sud, domanda al via dal 15 gennaio: come chiedere il finanziamento a fondo perduto

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , ,