Requisiti Quota 100 e Naspi, nuovi aggiornamenti: possono essere compatibili?

Requisiti quota 100: chi li raggiunge perde in automatico il diritto alla Naspi?

di , pubblicato il
Requisiti quota 100: chi li raggiunge perde in automatico il diritto alla Naspi?

Chi raggiunge i requisiti per la pensione quota 100 perde in automatico il diritto all’indennità Naspi di disoccupazione? Su questo fronte si attendono aggiornamenti da parte di Inps e Ministero del Lavoro. Nel frattempo spunta un precedente che potrebbe evitare questo rischio.

Nel D.lgs 22/2015 si legge che decade dalla Naspi chi compie 67 anni di età (con 20 anni di contributi) o anche al raggiungimento dei 42 anni e 10 mesi di versamenti (uno in meno per le donne). La regola generale quindi prevede che la Naspi si perde quando il disoccupato acquisisce il diritto alla pensione, che sia di vecchiaia o anticipata. Con la riforma pensioni 2019, anche la quota 100 si aggiunge dunque per estensione alle cause che fanno perdere il diritto alla Naspi. Proprio su questo punto si attendono indicazioni da parte del Ministero del Lavoro e dell’Inps. Senza interventi correttivi quindi, chi raggiunge i 62 anni di età e 38 di contributi (e, si badi bene, indipendentemente dal fatto che faccia o meno domanda per la pensione quota 100) perderebbe il diritto a ricevere il sussidio Naspi anche qualora ricorrano gli altri requisiti. Anzi per essere precisi tre mesi dopo il raggiungimento dei requisiti anagrafici e contributivi perché alla pensione si avrebbe diritto di fatto dopo la finestra mobile. Si aspettano conferme ufficiali. Eppure uno spiraglio forse c’è.

Requisiti Quota 100 e Naspi: valgono le stesse regole dell’opzione donna?

Già per l’opzione donna l’Inps aveva previsto la compatibilità della Naspi con i requisiti per questa forma di pensione anticipata (per le lavoratrici che non facevano domanda) basandosi sul fatto che la prima era una misura facoltativa.

Lo stesso ragionamento potrebbe quindi essere applicato per Quota 100, ma dovrà essere l’Inps o il Ministero del Lavoro a prendere posizione ufficiale.
Se si seguisse questa seconda strada, la Naspi decadrebbe nel mese stesso in cui decorre la pensione e il pensionato quota 100 non dovrebbe restituire quanto percepito nei mesi precedenti dal momento del compimento dei 62 anni. La compatibilità non riguarderebbe dunque la pensione ma il solo raggiungimento dei requisiti qualora non sia fatta domanda quota 100.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,