Report choc dei commercialisti: l’Italia è il Paese più tassato d’Europa. Pressione Fiscale al 48%

La pressione fiscale, al netto del sommerso e dell'economia illegale, supera il 48%. Secondo i commercialisti, il nostro è il Paese più tartassato d’Europa.

di , pubblicato il
La pressione fiscale, al netto del sommerso e dell'economia illegale, supera il 48%. Secondo i commercialisti, il nostro è il Paese più tartassato d’Europa.

Dopo cinque anni di ininterrotto calo della pressione fiscale in Italia, nel 2019 si è verificato un brusco incremento di 0,7 punti che ha riportato il suo livello complessivo indietro di quattro anni.

I dati emergono dallo studio del Consiglio e della Fondazione Nazionale dei Commercialisti “Analisi della pressione fiscale in Italia, in Europa e nel mondo. Struttura ed evoluzione dei principali indicatori di politica sociale”.

Non è tutto, il “peso” della tassazione, secondo i commercialisti, è più elevato delle stime ufficiali.

La pressione fiscale, al netto del sommerso e dell’economia illegale, è più alta del 5,8% di quella reale (42,4%) superando il 48%.

Il nostro è “il Paese più tartassato d’Europa”, scrivono i professionisti.

Le stime dei Commercialisti

Nel quinquennio 2014-2018 si è verificato un significativo abbassamento della pressione fiscale (-1,7%) che ha riguardato principalmente le imprese.

Nel 2019, invece, si è assistito ad un brusco cambio di trend, che ha riportato il nostro Paese indietro di quattro anni.

L’indicatore Ocse che misura il cuneo fiscale, pone l’Italia ai primi posti in Europa.

Nel confronto internazionale, la pressione fiscale si mostra sbilanciata dal lato del lavoro rispetto al consumo. Ad esempio, nel 2018:

  • per il gettito Iva in rapporto al Pil, l’Italia si colloca al 26° posto nella graduatoria EU27;
  • per il gettito dell’imposta personale sul reddito, l’Italia si colloca al 5° posto.

Non da ultimo, sempre secondo l’indicatore Ocse l’Italia è:

  • al terzo posto per dipendente single con il 48%;
  • al primo posto per dipendente sposato con due figli con il 39,2%.

Articoli correlati

Ruffini: serve una nuova riforma fiscale degna di nota

Ruffini alla Camera: ecco quali sono le priorità fiscali da attuare utilizzando il Recovery Fund

Argomenti: ,