Regime dei minimi, fino a quando c’è tempo per aprire la partita Iva agevolata?

La Partita Iva agevolata va aperta entro il 1 gennaio 2015 per rientrare nel regime dei minimi

di , pubblicato il
La Partita Iva agevolata va aperta entro il 1 gennaio 2015 per rientrare nel regime dei minimi

Solo tre anni fa veniva introdotta un’importante novità, nel mondo delle partite Iva: il regime agevolato per guadagni fino a 30.000 euro lordi l’anno. L’agevolazione consiste in un’imposta sostitutiva al 5%, anziché al 20% per cinque anni di attività o fine al compimento dei 35 anni da parte del titolare della partita Iva (per approfondimenti sulla convenienza del nuovo regime: https://www.investireoggi.it/imprese/partita-iva-agevolata-conviene-cambiare-o-restare-con-il-vecchio-regime-dei-minimi/). Le cose però cambieranno a partire dal prossimo anno, a causa delle modifiche introdotte dal Ddl di Stabilità: l’imposta sostituiva passerà dal 5% al 15% e il tetto massimo per il regime agevolato non sarà fissato in maniera universale a 30.000 euro, ma varierà a seconda delle attività.

   

Come rientrare nel regime dei minimi al 5%: requisiti e scadenze

Chi apre una partita Iva entro il 1 gennaio 2015 potrà ancora godere dei benefici offerti dall’attuale regime dei minimi, usufruendone per cinque anni oppure fino al compimento del 35simo anno di età; l’unico inconveniente sarebbe il pagamento delle imposte relative agli ultimi due mesi dell’anno, ma se si guarda al futuro nell’ottica di un quinquennio di convenienza, il gioco vale sicuramente la candela. Posso continuare a respirare, quindi, tutti quei liberi professionisti che lavorano in maniera non continuativa tra collaborazioni e lavoro autonomo, producendo un giro d’affari di dimensioni ridotte.

Start up e regime dei minimi

Non ci sono solo svantaggi nel passare al nuovo regime agevolato, soprattutto se si tratta di nuove imprese; in questo caso, infatti, è possibile ridurre il reddito imponibile di un terzo rispetto al totale. Prima di decidere come procedere, cioè se restare con l’attuale partita Iva a regime minimo e se passare alla nuova proposta del Ddl Stabilità, è consigliato consultare un commer

Argomenti: