Referendum costituzionale 4 dicembre: “Voti inventati o comprati”

Referendum costituzionale del 4 dicembre, si sono chiusi i seggi all'estero con il 40% dell'affluenza. Salvini: "Voti inventati o comprati", se vince il "SI" faremo ricorso.

di , pubblicato il
Referendum costituzionale del 4 dicembre, si sono chiusi i seggi all'estero con il 40% dell'affluenza. Salvini:

Referendum costituzionale del 4 dicembre, si sono chiusi i seggi all’estero con il 40% dell’affluenza. Si tratta di un milione e 600mila italiani residenti all’estero che hanno espresso il loro voto e potrebbero rivelarsi decisivi nel risultato finale.

Referendum costituzionale, Salvini: “Voti inventati o comprati”

Matteo Salvini attacca: “Se il fronte del sì al referendum costituzionale dovesse vincere grazie al voto all’estero, presenteremo ricorso“.

E spiega: “Penso che nei consolati e nelle ambasciate ne siano successe di cotte e di crude ma conto sul fatto che il voto degli italiani, di milanesi torinesi o napoletani, superi gli eventuali Sì inventati e comprati da Renzi in giro per il mondo. Non sono preoccupato per niente“.

Non c’è nessun controllo, insiste, dipende tutto da consolati e ambasciate che a loro volta dipendono dal Governo. Qualche console e qualche ambasciatore ha fatto comizi e incontri per il Sì, ditemi voi se si può star tranquilli“.

Anche Giorgia Meloni, spiega che : “Il voto estero si presta a un rischio di brogli e l’attenzione eccessiva del governo sul voto degli italiani all’estero tradisce la speranza da parte di Matteo Renzi che possa essere determinante proprio quel voto“.

Il referendum costituzionale del 4 dicembre: spiegati nel dettaglio i motivi del “SI” e del “NO”

Argomenti: ,