Redditometro 2011: voci di spesa considerate

Sette categorie, oltre 100 voci di spesa: ecco il Redditometro 2011

di Roberto Franchini, pubblicato il
Sette categorie, oltre 100 voci di spesa: ecco il Redditometro 2011

REDDITOMETRO: SARANNO OLTRE 100 LE VOCI DI SPESA CONSIDERATE

Il 25 ottobre 2011, l’Agenzia delle Entrate ha presentato alle categorie e agli ordini professionali il nuovo redditometro che sarà utilizzato per i controlli relativi al periodo d’imposta 2009 (e seguenti).

Il redditometro è uno strumento utilizzato dall’Amministrazione Finanziaria nell’attività di accertamento dell’evasione fiscale che ha come obiettivo quello di ricostruire il reddito presunto di una persona fisica (o meglio, di una famiglia fiscale) partendo dal tenore di vita (consumi e investimenti effettuati).

Per la stima della coerenza verranno prese in considerazione più di cento voci, indicative di capacità di spesa, divise in sette categorie:

  • abitazione (abitazione principale, altre abitazioni, mutui, ristrutturazioni, collaboratori domestici, elettrodomestici, arredi, utenze, ecc.);
  • mezzi di trasporto (auto, minicar, caravan, moto, barche, ecc.);
  • contributi previdenziali (obbligatori, volontari, previdenza complementare);
  • assicurazioni (responsabilità civile, incendio e furto, vita, infortuni, malattia, ecc.);
  • istruzione (asili nido, scuola per l’infanzia, primaria e secondaria, corsi universitari, soggiorni studio all’estero, corsi di lingue straniere, master, ecc.);
  • attività sportive e ricreative e cura della persona (sport, iscrizioni a circoli, cavalli, abbonamenti pay-tv, alberghi, centri benessere, ecc.);
  • altre spese significative (oggetti d’arte e antiquariato, gioielli, veterinarie, donazioni in denaro a favore di ONLUS e simili, assegni periodici corrisposti al coniuge, donazioni effettuate, ecc.);
  • investimenti immobiliari e mobiliari netti – separatamente valorizzati con riferimento al biennio precedente e all’anno in stima – (fabbricati, terreni, quote di partecipazione, fondi d’investimento, certificati di deposito, pronti contro termine, altri prodotti finanziari, azioni, valuta estera, obbligazioni, oro, conferimenti, numismatica, ecc.).

 

Il nuovo redditometro fonda i propri calcoli su campioni significativi di contribuenti, per i quali vengono individuate, mediante l’utilizzo di una metodologia statistico-matematica, delle relazioni con il reddito, differenziate in funzione del nucleo familiare e dell’area geografica.

Con il nuovo strumento verrà determinato un indice di coerenza tra le entrate (dichiarate) e lo stile di vita. L’indice potrà evidenziare:

–          un rischio basso: non dovrebbe produrre alcun effetto;

–          un rischio medio: in questo caso si verrà selezionati per metodi di accertamento induttivi;

–          un rischio alto: in tale ipotesi sono previsti controlli ordinari più approfonditi.

 

SUL REDDITOMETRO 2011 LEGGI ANCHE:

Redditometro 2011: Agenzia Entrate illustra novità software

Accertamento esecutivo e redditometro 2011: bilancio di un mese di controlli anti evasione

Redditometro e spesometro: banca dati del fisco diventa più ricca

Redditometro e spesometro: come si combatte l’evasione fiscale in Italia

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Evasione fiscale

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.