Reddito di Cittadinanza: tre novità su lavoro e contratti che rischiano di far perdere il sussidio

Possibile coinvolgimento delle agenzie per il lavoro nell’ambito del reddito di cittadinanza con ripercussioni sulla figura dei navigator

di , pubblicato il
Perché è così difficile trovare lavoro con il reddito di cittadinanza

Importanti novità a breve potrebbero arrivare per il reddito di cittadinanza con ripercussioni su chi lo percepisce.

Le tre novità per il reddito di cittadinanza

Il governo sta pensando di coinvolgere le agenzie di lavoro (escludendo, dunque, il coinvolgimento dei centri per l’impiego nella ricerca delle offerte di lavoro per i percettori del reddito di cittadinanza).

Altra novità potrebbe essere la riduzione da tre mesi a due mesi della durata dei rapporti di lavoro che il percettore del sussidio non potrà rifiutare.

Ultima ed non meno importante è l’intenzione di voler tracciare le offerte di lavoro che pervengono ai percettori. Tracciamento che potrebbe ad esempio avvenire tramite e-mail, massaggi su Whatsapp o sms.

Che fine faranno i navigator?

Nell’ambito del reddito di cittadinanza, l’attuale sistema, prevede che un ruolo fondamentale sia quello svolto dai centri per l’impiego i quali fungono da intermediari tra offerte di lavoro e percettori del reddito di cittadinanza.

In altri termini i centri per l’impiego hanno il compito di individuare l’offerta di lavoro da poter sottoporre al percettore del reddito di cittadinanza. A tal fine, è stata prevista la nuova figura dei “navigator”, i quali, dietro apposito concorso sono stati, dunque, assunti a tale fine.

Voler ora mettere in pausa il ruolo dei centri per l’impiego affidando, invece, tutto alle agenzie per il lavoro, significherebbe, dunque, anche rendere inutile la presenza di questa nuova figura con rischio di perdita del posti di lavori o di mancato rinnovo contrattuale (l’assunzione dei navigator, infatti, è avvenuta con contratto a tempo determinato).

Ricordiamo che il compito principale del navigator è quello di supportare gli operatori dei Centri per l’Impiego nella realizzazione di un percorso che coinvolga i beneficiari del reddito di cittadinanza dalla prima convocazione fino all’accettazione di un’offerta di lavoro congrua.

Navigator e operatori dei Centri per l’impiego lavorano al Patto per il Lavoro, ossia un percorso di accompagnamento all’inserimento lavorativo personalizzato per ogni singolo beneficiario del sostegno economico.

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: , ,