Reddito di cittadinanza: scopri se rientri tra i disoccupati di serie A o di serie B

Il reddito di cittadinanza non è uguale per tutti. Donne, disabili, meridionali e famiglie: facciamo i conti e vediamo chi potrebbe essere svantaggiato.

di , pubblicato il
Il reddito di cittadinanza non è uguale per tutti. Donne, disabili, meridionali e famiglie: facciamo i conti e vediamo chi potrebbe essere svantaggiato.

Il reddito di cittadinanza, così come formulato dal governo e illustrato nel sito ufficiale, potrebbe comportare delle differenziazioni nel trattamento. Non tutti i beneficiari ne trarrebbero vantaggio allo stesso modo e ci sarebbero alcuni paradossi nell’applicazione.

Con il Reddito di cittadinanza disoccupati di serie A e di serie B?

A mettere in guardia sul rischio di una guerra tra poveri sono sindacati Cgil, Cisl e Uil, associazioni del terzo settore, categorie professionali e non da ultimo anche lo stesso Ufficio parlamentare di bilancio che nelle memorie depositate ha riscontrato alcuni nodi da sciogliere nella misura e possibili problematiche.

Le politiche attive non dovrebbero escludere nessun disoccupato, così aveva anticipato anche Di Maio. Ma sulla carta al momento i navigator saranno affidati solo ai beneficiari del reddito di cittadinanza quindi chi non ne ha diritto si trova anche svantaggiato nella ricerca di lavoro. E veniamo proprio alla proposta di lavoro. L’obiettivo è quello di favorire le assunzioni stabili e questo si può ben comprendere (anche se non mancano polemiche sul fatto che gli stessi navigator per i primi sei mesi saranno assunti con contratto di collaborazione). Di fatto quindi le agevolazioni per le imprese che assumono soggetti beneficiari del rdc vengono riconosciute solo per contratti full time a tempo indeterminato. Escludendo il part time si rischia però di tagliare fuori molte donne; inoltre il contratto a tempo indeterminato rischierebbe di penalizzare i lavoratori senza esperienza o scarsamente qualificati, che poi sono quelli che di norma hanno più difficoltà a trovare lavoro.

Insomma, la sensazione è che il reddito di cittadinanza sia una coperta troppo corta per avvolgere tutti i disoccupati. Certo sarebbe sbagliato pensare che il rdc diventi l’unica via per trovare lavoro. Però appare comprensibile che chi già è disoccupato voglia avere gli stessi strumenti a disposizione delle categorie beneficiarie del sussidio e non essere ulteriormente penalizzato.

Leggi anche:

Trovare lavoro senza reddito di cittadinanza è ancora possibile: ecco i bonus assunzione

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,