Reddito di Cittadinanza ottobre 2021: quali carte saranno ricaricate ben tre volte questo mese e perché

Sul reddito di Cittadinanza di ottobre del 2021, ecco quali carte saranno ricaricate ben tre volte questo mese. E perché sulle carte PostePay RdC molti percettori del sussidio potrebbero infatti ricevere un triplo pagamento. Tutte le info.

di , pubblicato il
Di quanto potrebbe aumentare il Reddito di Cittadinanza nel 2022?

Sul reddito di Cittadinanza di ottobre del 2021, ecco quali carte saranno ricaricate ben tre volte questo mese. E perché sulle carte PostePay RdC molti percettori del sussidio potrebbero infatti ricevere un triplo pagamento.

Nel dettaglio, sul reddito di Cittadinanza di ottobre del 2021, oltre alla mensilità standard del sussidio, sarà pure caricata sulla carta pure la mensilità spettante per l’assegno unico temporaneo INPS per i figli minori.

Pur tuttavia, proprio in virtù dei pagamento per l’assegno unico temporaneo INPS figli minori, la ricarica reddito di cittadinanza di ottobre del 2021 potrebbe essere tripla sulla PostePay. Ovverosia, la mensilità dell’RdC e due accrediti dell’assegno unico temporaneo INPS figli minori. Precisamente, la mensilità di agosto e quella di settembre del 2021. Coprendo quindi pure gli arretrati.

Reddito di Cittadinanza di ottobre del 2021. Quali carte saranno ricaricate ben tre volte questo mese e perché

Chiarito quindi, per il reddito di cittadinanza di ottobre del 2021, quali carte saranno ricaricate ben tre volte questo mese e perché. Mentre per controllare lo stato della pratica e dei pagamenti il sito Internet di riferimento è quello dell’INPS.

Con accesso tramite le credenziali. Ovverosia, con il Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID). Con la Carta di Identità Elettronica (CIE). Oppure con la Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

Come avere informazioni al telefono sul pagamento del sussidio e sullo stato della pratica RdC

Informazioni sul Reddito di Cittadinanza di ottobre del 2021, inoltre, si possono avere pure telefonando al contact center dell’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale. Specie quando la domanda non è stata presentata in proprio con lo SPID. Ma avvalendosi sul territorio del supporto e dell’assistenza dei patronati.

Oppure dei Centri di Assistenza Fiscale (CAF).

Se il reddito di cittadinanza di ottobre è il primo, inoltre, ricordiamo che la carta RdC, che sarà già attiva e caricata con la mensilità spettante, non arriverà a casa. Ma dovrà essere ritirata presso l’ufficio postale competente per territorio. Per ritirare la carta RdC il titolare del sussidio dovrà presentarsi all’ufficio postale indicato munito di codice fiscale. Nonché di un documento di riconoscimento in corso di validità.

Argomenti: