Reddito di cittadinanza dal prossimo anno, come spingere i percettori alla ricerca di un lavoro

Per il reddito di cittadinanza dal prossimo anno si cambia. Perché sul sussidio saranno introdotti dei correttivi importanti. Che andranno ad incidere sull'importo erogato, ma soprattutto sulle politiche attive per il lavoro. Vediamo cosa bolle in pentola.

di , pubblicato il
Reddito di cittadinanza dal prossimo anno, come spingere i percettori alla ricerca di un lavoro

Per il reddito di cittadinanza dal prossimo anno si cambia. Perché sul sussidio saranno introdotti dei correttivi importanti. Che andranno ad incidere sull’importo erogato. Ma soprattutto sulle politiche attive per il lavoro. L’obiettivo principale, infatti, è quello legato a come spingere i percettori alla ricerca di un’occupazione.

In altre parole, il reddito di cittadinanza dal prossimo anno, almeno nelle intenzioni del Governo italiano, dovrebbe diventare in tutto e per tutto uno strumento per l’occupazione. E non solo una misura finalizzata a concedere un sussidio alle famiglie a basso reddito. E, in prevalenza, a quelle che si trovano in una condizione di difficoltà economica.

Reddito di cittadinanza dal prossimo anno. Come spingere i percettori alla ricerca di un lavoro?

E così, il reddito di cittadinanza dal prossimo anno potrebbe essere non solo più difficile da richiedere. Ma anche altrettanto difficile da mantenere. A partire dalla stretta sui controlli preventivi, all’atto della presentazione della domanda. E passando per il legame che c’è e che ci sarà tra il beneficio economico e la reale volontà di inserirsi o di reinserirsi nel circuito occupazionale.

Probabilmente solo quando la manovra sarà approvata in Parlamento si avrà un quadro chiaro e definitivo per la misura. Con il reddito di cittadinanza dal prossimo anno che, in particolare, dovrebbe essere oggetto di decurtazioni nel momento in cui non si accetteranno le offerte di lavoro. Anche se queste saranno di brevissima durata.

Come spingere i percettori di RdC alla ricerca di un lavoro

Ad oggi per l’RdC dovrebbe scattare la sospensione dopo due proposte di lavoro rifiutate. I correttivi al riguardo potrebbero essere apportati sulla distanza chilometrica.

L’orientamento del Governo italiano, infatti, è quello di eliminare il vincolo chilometrico, dal comune di residenza, per la seconda offerta di lavoro.

In più, considerando che ad oggi nel rapporto tra i percettori ed i Centri per l’Impiego i posti di lavoro creati sono stati pochi, per il reddito di cittadinanza dal prossimo anno dal prossimo anno potrebbero entrare in gioco nuovi soggetti. Precisamente, le agenzie private. E questo anche considerando che il contratto di lavoro ai navigator non sarà rinnovato. Salvo dietrofront dell’ultima ora.

Argomenti: , ,