Reddito di cittadinanza agli stranieri, necessario il requisito del permesso di soggiorno di lunga durata

Per la corte costituzionale, il Reddito di Cittadinanza è una misura di politica attiva del lavoro, non soltanto uno strumento assistenziale.

di , pubblicato il
Certi lavori non li farebbe nessuno neanche senza reddito di cittadinanza perché sono cambiate due cose importanti

Con una recente sentenza, la Corte Costituzionale ha stabilito che non è discriminatorio destinare il reddito di cittadinanza agli stranieri solamente se in possesso del permesso di soggiorno di lunga durata. Vediamo meglio cosa è successo.

Reddito di Cittadinanza, i requisiti necessari

Cominciamo col dire che il Reddito di cittadinanza viene erogato ai nuclei familiari in possesso, contemporaneamente, di diversi requisiti. Oltre a quelli economici/patrimoniali, i percettori devono rispettare anche dei requisiti di cittadinanza, residenza o soggiorno. In particolare, il richiedente deve essere cittadino maggiorenne in una delle seguenti condizioni:

  • italiano o dell’Unione Europea;
  • cittadino di Paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo, o apolide in possesso di analogo permesso;
  • cittadino di Paesi terzi familiare di cittadino italiano o comunitario, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente;
  • titolare di protezione internazionale;
  • residente in Italia per almeno 10 anni, di cui gli ultimi due in modo continuativo.

Il tribunale di Bergamo ha sollevato una questione di legittimità relativamente a quest’ultimo requisito. In particolare, lo stesso asserisce che: essendo la “prestazione diretta a soddisfare bisogni primari della persona umana”, il requisito del permesso di soggiorno di lunga durata crea una discriminazione tra i cittadini e gli stranieri.

Nessun dubbio sulla legittimità

La Consulta, con la sentenza n. 19/2022, ha espresso un’opinione opposta rispetto al tribunale di Bergamo, confermando la legittimità della norma in questione.
Per la Corte Costituzionale, infatti, il reddito di cittadinanza è una misura di politica attiva del lavoro, non soltanto uno strumento assistenziale. Dunque, il requisito del permesso di soggiorno di lunga durata è necessario alla realizzazione del progetto di inserimento lavorativo e di inclusione sociale.

Inoltre, conclude la Corte, in Italia esistono già altre misure assistenziali e di contrasto alla povertà, finalizzate a soddisfare bisogni primari dell’individuo.

 

Articoli correlati

Argomenti: ,