Reddito di cittadinanza: a gennaio picco di sospensioni. Vediamo cosa sta succedendo

Secondo quanto comunicato dall’Inps, a gennaio il numero di soggetti che hanno percepito il reddito di cittadinanza è sceso di circa 69 mila, ma non è tutto.

di , pubblicato il
reddito di cittadinanza

Il Reddito di cittadinanza, nel mese di gennaio 2020, ha fatto registrare un piccolo record, il numero dei percettori di questa misura è sceso di 69 mila, ma il record, secondo le ultime stime dell’INPS, si attende per il mese di febbraio.

Reddito di cittadinanza e i motivi della sospensione

Sostanzialmente, questo numero è dato da una serie di fattori.

In ogni caso, si tratta di prestazioni che hanno avuto anche un solo pagamento nel 2019 e che sono state interrotte a partire dal nuovo anno per cause di diversa natura.

In ogni caso, si tratta, anche, di pratiche in sospensione temporaneo, cioè in attesa di ulteriori indagini e, per tale motivo non vengono considerate del tutto cessate.

Infine, fa sapere l’INPS, le attese sul numero di sospensioni per il mese di febbraio dovrebbero essere superiori rispetto a quelle di gennaio. A febbraio, infatti, scadrà la dichiarazione Isee necessaria per ottenere o, comunque, rinnovare la misura del Reddito di Cittadinanza.

Potrebbe anche interessarti:

 

 

 

Argomenti: ,