Ravvedimento operoso: cosa è cambiato nel 2015 con il Jobs Act

Cosa cambia nel ravvedimento operoso con il Jobs Act nel 2015? Ecco i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate.

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Cosa cambia nel ravvedimento operoso con il Jobs Act nel 2015? Ecco i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate.

I chiarimenti relativi all’istituto del ravvedimento operoso sono stati forniti dall’Agenzia delle Entrate. Le sanzioni per gli omessi versamenti di tasse o tributi sono state rese, con il Jobs Act graduali basate sul tempo intercorso dalla violazione al pagamento.   In questo modo si vuol premiare i contribuenti che rimediano alle violazioni in maniera tempestiva. Le precisazioni dell’Agenzia delle Entrate aiutano ad individuare il momento da cui inizia a decorrere il termini per effettuare il avvedimento in caso di omesso versamento o in caso di errori nella dichiarazione.   A rendere noti questi chiarimenti è la circolare 23/E dello scorso 9 giugno che ha cercato di chiarire tutti i dubbi relativi alle novità introdotte al ravvedimento operoso dalla Legge di Stabilità 2015.   Nella circolare viene chiarito l’ambito di applicazione del ravvedimento operoso e la relazione tra ravvedimento che può essere effettuato entro 90 giorni dalla violazione e quello che potrebbe essere effettuato entro la scadenza della presentazione dell’anno successivo alla commissione della violazione.   Nel ravvedimento operoso da effettuare entro 90 giorni rientrano anche i tributi locali e regionali e anche le tasse automobilistiche. Il ravvedimento operoso decorre, secondo quanto chiarito, dal momento della violazione e non dal termine per la presentazione della dichiarazione.   Con il ravvedimento operoso è possibile porre rimedio alle seguenti violazioni ed errori nelle dichiarazioni:

  • regolarizzazioni di errori ed omissioni
  • omissione della presentazione della dichiarazione
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Ravvedimento operoso

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.