Raddoppiare il fatturato con la crisi: il segreto delle imprese gazzelle

Giovane età, basso rischio e alti investimenti hanno permesso ad alcune Pmi di raddoppiare il fatturato tra il 2007 ed il 2012

di , pubblicato il
Giovane età, basso rischio e alti investimenti hanno permesso ad alcune Pmi di raddoppiare il fatturato tra il 2007 ed il 2012

La crisi non è uguale per tutti, come dimostrano alcuni casi di crescita in uno dei periodi più neri per l’economia italiana: stiamo parlando delle imprese gazzelle, cioè quelle attività che non solo hanno sentito il peso della recessione, ma sono addirittura riuscite a raddoppiare il fatturato. Non si tratta di un caso fortuito, ma di una combinazione perfetta di fattori, come la giovane età dell’impresa, un numero cospicuo di investimenti e soprattutto una bassa dipendenza dalle banche; rientrano in questa categoria di imprese, quelle che operano nel settore della distribuzione, dei servizi non finanziari e delle costruzioni.

Analisi dei fattori di successo delle imprese gazzelle

Lo studio, condotto dal Gruppo Cerved, da cui sono emersi i risultati sopra citati è partito nel 2007 e, per cinque anni, ha monitorato le imprese che dichiaravano un fatturato maggiore di 2 milioni di euro; nel 2012 il 3,4% delle Pmi sotto osservazione (3.472 su 102.848) avevano aumentato il proprio fatturato del 100%, raddoppiandolo di fatto. A determinare una crescita così importante e anomala nel panorama italiano, hanno contribuito più fattori, alcuni dei quali elencati prima. Vediamoli nel dettaglio. Imprese giovani hanno risentito meno della crisi perché più improntate all’innovazione e alla continua ricerca; in secondo luogo, anche il numero e il volume di investimenti delle Pmi gazzelle è stato decisamente superiore rispetto alle altre, come dimostra il rapporto tra investimenti materiali e immobilizzazioni lorde pari al 14,4%. A contribuire un maniera importante c’è anche il fattore territoriale, che mostra un dato interessante: le Pmi sono più numerose in Lombardia (circa un terzo del totale), seguita da Emilia Romagna e Veneto (entrambe un decimo del totale), ma è nel sud Italia, soprattutto in Calabria e Puglia, che è maggiore la proporzione tra le aziende sul territorio e le imprese gazzelle. Altro fattore è rappresentato dal settore, visto che le Pmi che hanno raddoppiato il fatturato operano nella distribuzione, nei servizi (non f

Argomenti: