Quota 96 e riforma pensioni subito dopo i rimborsi

Una soluzione sembra essere vicina per i quota 96: con la riforma pensioni si potrebbe trovare una soluzione per i docenti dimenticati.

di , pubblicato il
Una soluzione sembra essere vicina per i quota 96: con la riforma pensioni si potrebbe trovare una soluzione per i docenti dimenticati.

Anche e al momento il problema principale del governo sembra essere rappresentato dai rimborsi per la mancata indicizzazione delle pensioni, la riforma delle pensioni e la risoluzione dell’ingiustizia che ha toccato i quota 96 sembra essere il prossimo passo.   Si cercherà una soluzione, quindi, anche per i circa 4mila dimenticati della Legge Fornero poiché proprio il personale della scuola che doveva poter usufruire della quota 96 e non ha potuto, dovrebbe essere uno dei primi beneficiari di una revisione della riforma Fornero oggi dichiarata incostituzionale della bocciatura della Corte Costituzionale per quel che riguarda il blocco delle rivalutazioni.   Qual è stato il problema dei quota 96? I lavoratori della scuola si sono trovati ad avere le carte in regola per poter accedere alla pensione ma hanno dovuto prolungare il servizio più a lungo a causa di una dimenticanza clamorosa: l’anno di lavoro per chi lavora nel settore scuola non si chiude come per tutti gli altri lavoratori al 31 dicembre, ma alla fine di agosto.

Proprio a causa di questa dimenticanza clamorosa moltissimi lavoratori hanno dovuto lavorare altri anni dopo aver raggiunto i requisiti richiesti.   Anche se questi lavoratori per anni hanno protestato con manifestazioni, scioperi e proteste di piazza, non sono mai riusciti a ottenuto nulla. Ora a quanto pare però il governo cercherà di occuparsi anche di questi lavoratori. Va evidenziato che parte di questi lavoratori ha già lasciato il mondo del lavoro o riuscirà ad accedere al pensionamento entro il prossimo settembre avendo superato abbondantemente la quota 100.   Per tutti quelli che ancora non sono riusciti ad accedere alla pensione sembra però aprirsi uno spiraglio decisivo che potrebbero portare ad un superamento della riforma Fornero poiché un ordine del giorno potrebbe spingere l’esecutivo a prendersi carico al più presto dei docenti dimenticati. Potrebbe essere proprio il ddl La Buona Scuola a garantire un emendamento che porti ad una deroga ai quota 96 che ancora sono in servizio.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: