Quota 100: in pensione 5 anni prima dal 2019 al 2021, decreto in G.U.

Pubblicato il decreto contenente la quota 100 in Gazzetta Ufficiale, un anticipo di 5 anni dall'età pensionabile e valida per tre anni, le ultime novità.

di , pubblicato il
Pensione anticipata Rita e Fondo Zurig

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto contenente la Quota 100 e il reddito di cittadinanza. Il reddito di cittadinanza sarà accessibile ad aprile e si rivolgerà a soggetti e i nuclei familiari in condizioni di particolare disagio economico e sociale. Pensione Quota 100 prevede un anticipo pensionistico di 5 anni con il superamento della legge Fornero, accompagnata da misure per incentivare l’assunzione di lavoratori giovani.

La misura è sperimentale e sarà in vigore per tre anni dal 2019 al 2021. I requisiti richiesti sono 62 anni di età anagrafica e almeno 38 anni di contributi, previsto il cumulo gratuito per chi ha versato i contributi in varie casse previdenziali. Divieto di cumulo lavorativo, ad eccezione per il lavoro occasionale, per un valore massimo di 5.000 euro annui.

Pensione quota 100, dubbi e criticità, le ultime novità

Pensione quota 100 per il comparto scuola

Buongiorno, sono un’insegnante, compio 63 anni a Marzo. Sono in ruolo dal 1/9/1995 al 31/12/1995 e ho accumulato 7 anni 4 mesi e 23 gg di lavoro (supplenze) più 4 anni di università riscattati a cui posso aggiungere 139 settimane di contributi figurativi per disoccupazione (ho ricevuto il sussidio tutti gli anni dal 1988 al 1994)  ovvero 2 anni 8 mesi e 3 settimane, in tutto 14 anni 1 mese e 14gg. Aggiungendo i 24 anni di lavoro di ruolo dal 1/1/1996 al 31/12/2019, sommando tutto sono 38 anni e 1 mese e 14 gg.

Posso andare in pensione con quota 100 all’inizio del prossimo anno scolastico (1 settembre 2019)?

Risposta: La risposta è affermativa, la normativa prevede che il personale del comparto scuola può accedere alla pensione quota 100, se ha maturato i contributi al 31 dicembre il 1° settembre 2019

Ricongiunzione onerosa e gratuita

Per il  ricongiungimento dei contributi figurativi, che ho chiesto 1 mese fa, devo pagare qualcosa?

La circolare dell’INPS n. 273 del 19 gennaio 2018  illustra quando è possibile la ricongiunzione onerosa dei periodi assicurativi versati in varie casse previdenziali, in modo da poter percepire la pensione da un unico ente previdenziale. La ricongiunzione è gratuita e possono richiederla tutti i lavoratori dipendenti.

Nel caso specifico del nostro lettore, l’accredito dei contributi figurativi sono senza onere a carico del lavoratore. Vanno considerati tutti i periodi contributivi anche i periodi in cui il lavoratore ha dovuto interrompere l’attività lavorativa tipo la malattia, gravidanza, disoccupazione, ecc.

  Sono utili sia per raggiungere il diritto alla pensione sia per aumentare l’importo della stessa.

Quota 100: in pensione dal 1° settembre 2019

Non ho trovato nessuno in grado di dirmi, approssimativamente, quanto prenderò di pensione, né quanto perdo rispetto al raggiungimento del requisito di età (67 anni), mi sa consigliare un sito o un ente capace di farlo (sul sito dell’INPS non calcolano le pensioni degli statali…)? La ringrazio in anticipo.

Se i suoi calcoli sono corretti e lei ha raggiunto i requisiti richiesti, può accedere presentando istanza di prepensionamento entro il 28 febbraio 2019. Bisogna attendere le disposizioni del Miur e dell’INPS.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.
Non si forniscono risposte in privato.”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,