Quelli che non vogliono il reddito di cittadinanza: arriva anche il referendum abrogativo

Reddito di Cittadinanza, i contrari. Spunta la proposta di referendum abrogativo.

di , pubblicato il
Reddito di Cittadinanza, i contrari. Spunta la proposta di referendum abrogativo.

Torna a farsi sentire l’opposizione al reddito di cittadinanza. Dopo la notizia delle rinunce dei beneficiari, arriva anche quella del referendum abrogativo. La proposta appartiene al movimento Grande Nord e dovrebbe giungere alla Camera la prossima settimana. Al momento la nuova forza politica, che ha inglobato molti ex militanti della Lega, sta raccogliendo le firme in diverse province del nord Italia.

Leggi anche:

Reddito di cittadinanza: ecco perché alcuni beneficiari preferiscono rinunciare al sussidio

Referendum abrogativo Reddito di Cittadinanza

Per presentare l’iniziativa, il Grande Nord ha convocato un incontro a Roma nella sala stampa della Camera a Roma in programma per martedì 14 maggio. Monica Rizzi, segretario organizzativo federale, ha sottolineato come stiano aumentando in Italia le voci di chi è contrario al sussidio, anche tra coloro che ne avrebbero diritto sulla base dei requisiti richiesti dalla legge. Con questo strumento, incalza “non hanno abolito la povertà, hanno solo impoverito di più le nuove generazioni, aumentando il debito contratto per incassare consenso facile”.

I beneficiari del reddito di cittadinanza che testimoniano gli aiuti concreti

Sull’altro fronte, aumentano in rete anche le testimonianze dell’altro fronte, ovvero coloro che hanno ricevuto il sussidio e che hanno voluto ringraziare pubblicamente il Movimento 5 Stelle per l’impegno mantenuto. Molti parlano di un aiuto concreto, non solo in termini economici ma anche di dignità.

Se hai ricevuto il reddito di cittadinanza e vuoi raccontare la tua storia, scrivici in redazione all’indirizzo

[email protected]

Ora che il RdC è stato avviato quindi non sarà facile tornare indietro, contrari o favorevoli. Cruciale in questo senso potrebbe essere la fase due della misura. Per il momento infatti sono arrivate le prime card ma nel frattempo ieri sono scaduti i termini per inviare le candidature per diventare navigator. Si entra quindi nel vivo della cd fase due. In pratica dopo la prova questi saranno assunti all’interno dei centri per l’impiego e da questa collaborazione tecnica scaturirà l’inserimento dei beneficiari del sussidio nel mondo del lavoro.

Ricordiamo che chi non rispetta le regole e rifiuta tre offerte inerenti al profilo professionale perde il diritto al reddito di cittadinanza.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,