Quanto tempo ha la ditta per iniziare i lavori con il 110? Occhio alla truffa

Fatture emesse a fronte di lavori non eseguiti con l’intento di maturare crediti d’imposta verso il fisco. Questa l’ultima truffa bonus 110% smascherata

di , pubblicato il
Conti correnti e carte di credito sotto la lente del Fisco con i controlli mirati e incrociati

La Guardia di Finanza di Napoli, dietro un’analisi di rischio sviluppata dall’Agenzia delle Entrate, ha smascherato una truffa bonus 110% finalizzata all’acquisizione, da parte di un consorzio d’imprese, di crediti d’imposta verso il fisco di circa 110 milioni di euro.

I cittadini, cha avevano firmato il contratto per l’esecuzione dei lavori, si son ritrovati nel proprio cassetto fiscale fatture emesse dal consorzio a fronte di lavori mai iniziati e per i quali, risultavano anche rilasciati visto conformità e asseverazioni per operazioni di sconto in fattura e cessioni del credito.

Il funzionamento del superbonus

Il bonus 110%, ricordiamo si sostanzia in una detrazione fiscale, pari appunto al 110%, delle spese sostenute a fronte di determinati lavori edili (ad esempio realizzazione di cappotto termico, lavori antisismici, ecc.).

In luogo della detrazione fiscale, il committente può optare per:

  • lo sconto in fattura da parte dell’impresa che esegue i lavori. Quest’ultima recupera il corrispettivo nella forma del credito d’imposta da poter utilizzare in compensazione oppure da poter cedere a terzi (inclusi istituti di credito e finanziari)
  • la cessione del credito verso terzi soggetti, inclusa la stessa impresa esecutrice dei lavori ed inclusi istituti di credito e finanziari.

Per tali operazioni, il committente deve chiedere il rilascio del visto di conformità (da parte di commercialista, consulente del lavoro, ecc.) e l’asseverazione da parte di un tecnico abilitato. L’opzione di sconto o cessione deve essere anche comunicata all’Agenzia delle Entrate entro il 16 marzo dell’anno successivo al sostenimento della spesa.

La truffa bonus 110% è servita

Come riassunto in premessa, la Guardia di Finanza di Napoli ha smascherato nei giorni scorsi una truffa bonus 110%, articolata con il seguente artifizio ad opera di un consorzio di imprese edili (Comunicato stampa Guardia di Finanza del 19 gennaio 2022):

  • il Consorzio, attraverso una rete di procacciatori, si sarebbe proposto nei confronti di privati cittadini interessati a effettuare i lavori rientranti nell’applicazione del superbonus, facendo stipulare loro dei contratti per “appalto lavori con cessione del credito d’imposta” e chiedendo la consegna della documentazione necessaria, salvo interrompere subito dopo i rapporti ovvero eseguire solo attività di carattere burocratico
  • ricevuti i contratti, il Consorzio avrebbe emesso fatture per operazioni inesistenti nei confronti dei privati committenti in cui si faceva riferimento a uno stato di avanzamento lavori per una percentuale non inferiore al 30% (percentuale minima richiesta per vantare la cessione del credito d’imposta)
  • solo a seguito di richiesta di informazioni da parte di alcuni Reparti del Corpo, i soggetti privati riscontravano nel loro cassetto fiscale dell’Agenzia delle Entrate la presenza delle suddette fatture, che sarebbero state emesse a fronte di lavori mai eseguiti, cui erano correlate successive cessioni di crediti a favore del Consorzio, precedute dalla comunicazione dei commercialisti che avrebbero apposto il visto di conformità
  • le prescritte asseverazioni tecniche sui lavori svolti dal Consorzio, che sarebbero state rilasciate da professionisti abilitati, presentavano rilevanti anomalie, evidenziate dalla competente Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile (ENEA);
  • il Consorzio, operando nei termini suddetti, avrebbe beneficiato di oltre 109 milioni di euro di crediti d’imposta, accumulati a partire dal mese di dicembre 2020, poi ceduti a intermediari finanziari, ottenendone la monetizzazione, per un importo di oltre 83 milioni di euro.

Attenzione, dunque, i cittadini farebbero bene a monitorare l’effettivo avvio dei lavori da parte delle imprese edili cui ci si rivolge per il bonus 110% e di controllare, anche periodicamente, il proprio cassetto fiscale in modo da verificare se possano esserci fatture a fronte di lavori mai eseguiti.

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: , ,